Secondo La Stampa:

Ma Vodafone non lancerà una contro-Opa su Fastweb così come nelle ultime settimane non ha mai pensato di buttarsi alla conquista dell’operatore guidato dal duo Silvio Scaglia-Stefano Parisi. Le ultime valutazioni in merito, casomai, risalgono a più di un mese fa, quando il comitato strategico a livello di gruppo, fatti due conti, avrebbe deciso, secondo quanto risulta a La Stampa, di cambiare decisamente rotta per lanciare in grande stile il piano B: costruire dal nulla una propria infrastruttura di rete fissa.

Per il primo anno, anno e mezzo, Vodafone – se la strategia sarà confermata – prenderà in affitto la linea di Telecom Italia, diventando subito operativa, visto che le autorizzazioni del caso (per operare sul fisso) risalgono alla fine degli Anni 90. Nel frattempo inizierà a costruirsi una propria rete da aggiungere a quella di Telecom, Infostrada e di Fastweb. La differenza, tra acquistare un concorrente e costruirsi da sé la rete, l’ha fatta il prezzo: 3,5 miliardi contro una stima di 8-900 milioni. E la strada sarebbe stata sostanzialmente tracciata.