Video molto critico sugli efetti politici della Silicon Valley, da BBC; da vedere.

Jamie Bartlett reveals how Silicon Valley’s mission to connect the world is disrupting democracy, helping plunge us into an age of political turbulence. Many of the Tech Gods were dismayed when Donald Trump – who holds a very different worldview – won the American presidency, but did they actually help him to win? With the help of a key insider from the Trump campaign’s digital operation, Jamie unravels for the first time the role played by social media and Facebook’s vital role in getting Trump into the White House. But how did Facebook become such a powerful player?
Jamie learns how Facebook’s vast power to persuade was first built for advertisers, combining data about our internet use and psychological insights into how we think. A leading psychologist then shows Jamie how Facebook’s hoard of data about us can be used to predict our personalities and other psychological traits. He interrogates the head of the big data analytics firm that targeted millions of voters on Facebook for Trump – he tells Jamie this revolution is unstoppable. But is this great persuasion machine now out of control? Exploring the emotional mechanisms that supercharge the spread of fake news on social media, Jamie reveals how Silicon Valley’s persuasion machine is now being exploited by political forces of all kinds, in ways no one – including the Tech Gods who created it – may be able to stop.
In realtà si può contrastare, aumentando la concorrenza che non sia solo PER il mercato ma che sia anche NEL mercato.
Oggi  nessuno fa concorrenza ai market leader perchè gli spazi sono chiusi. Si cerca di colonizzare spazietti residui.
E’ una decisione politica, in ultima analisi.
Basterebbe affermare, come rimedi alla concentrazione di potere, il diritto dell’utente a portare i suoi dati e l’obbligo degli intermediari ad interconnettersi ed interoperare. Come abbiamo fatto quando abbiamo voluto introdurre concorrenza nelle TLC.
Questo consentirebbe di frammentare il controllo. E cosi’ come il numero telefonico è “diventato nostro” con un provvedimento fatto per ragioni di concorrenza, anche i dati “diventerebbero nostri”.
Le teconologie per consentirlo, ormai ci sono (penso in primo luogo ad IPFS)
Molte forze puntano in questa direzione.
The judge raised concerns around LinkedIn “unfairly leveraging its power in the professional networking market for an anticompetitive purpose,”
Questo giudice sta cercando di andare nella direzione di maggiore conccorenza (anche se, coerentemente con la visione USA, non si pone il problema del fato che l’utente abia caricato su Linked In i propri dati per darli solo a Linked In e non a terzi).
Qualcuno inizierà anche ad esaminare le pratiche di innovazione fate per escludere competitor (sia tecnica che commerciale che giuridica che …)
Una pratica di innovazione predatoria è molto difficile da riconoscere…