La Camera sceglie l’open source

Link: La Camera sceglie l’open source – LASTAMPA.it.

È stato presentato ieri dai deputati questori, insieme al dirigente del servizio informatica, il piano per il passaggio dell’infrastruttura informatica della Camera da Windows a Linux

Qualche mio amico si stara’ agitando…

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

6 thoughts on “La Camera sceglie l’open source”

  1. Camera OpenSource e WiFi

    Cavolo, ma allora abbiamo proprio dei deputati tecnologizzati! Mi fa piacere che abbiano preso questa scelta e credo sia anche un ottimo traguardo per chi crede nel software libero. Il problema è essenzialmente uno: tutti sti politici matusa, ce la f…

  2. Tagli alla spesa pubblica?
    Da qualche parte bisogna iniziare, e allora ben venga l’uso di tecnologia Open Source GPL e quindi senza costi di licenza.
    Si può obiettare che la tecnologia Open Source in realtà fa aumentare i costi di gestione?
    Chi, se non l’amministrazione pubblica, potrebbe investire in un centro sviluppo dell’open source che fornisca soluzioni per tutte le varie necessità della PA?
    Ma forse così facendo si toglie qualcosa a qualcuno…..(a Roma in questi casi si cita la Fabbrica di S.Pietro, che è sempre operosa e dà da mangiare a tanti..)… ma allora non ci lamentiano dei costi esorbitanti della PA.
    Luca

  3. la camera pensa di passare all’opensource

    stato presentato ieri dai deputati questori, insieme al dirigente del servizio informatica, il piano per il passaggio dellinfrastruttura informatica della Camera da Windows a Linux, il noto sistema operativo open source. di

  4. la camera pensa di passare all’opensource

    stato presentato ieri dai deputati questori, insieme al dirigente del servizio informatica, il piano per il passaggio dellinfrastruttura informatica della Camera da Windows a Linux, il noto sistema operativo open source. di

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *