Rete in rame Telecom Italia

Mi scrive Andrea:

105 milioni di chilometri-coppia di rame (nel 2002, relazione semestrale)
Sezione minima 0.33 mm^2
2 (e’ un doppino) * 105 * 10^6 Km (rete) * 0.33 (sezione filo mm^2) * 8.93 (kg/dm^3 rame) * 10^-6 (mm^3/dm^3) * 10^6 (mm/Km) = 2 * 309.424.500 Kg rame

al prezzo attuale, 7.840 US$/Kg (metalprices.com)
2 * 2.425.888.080 US$
con il cambio a circa 1,37 eur/us$
fa
circa 2 * 1.770.000.000 euri = 3.540.000.000 euri, non male.

Ora, l’unica cosa che sarei curioso di sapere, visto che in una ipoteticaoperazione di sostituzione COMUNQUE va sfilato il rame e messa la fibra (certo, poi bisogna levare le guaine, trasportare il rame, togliere i
detriti, insomma riciclare), e’ SE si tiene conto di questa enormita’.

Riguardo al riciclo: http://it.wikipedia.org/wiki/Rame

Se e’ vero che passare una abitazione in FTTH costa 400 euro in piu’ che in VDSL/FTTB, con quei soldi ci faresti 8,5 milioni di abitazioni

Vi metto alla prova…dove stanno i bachi del ragionamento ?

If you like this post, please consider sharing it.

4 thoughts on “Rete in rame Telecom Italia”

  1. Ma per fare gli 8,5 milioni di abitazioni dovresti vendere tutti i 105 milioni di chilometri di rame e quindi sfilarlo da tutte le case. Quindi sfila il rame da 27 milioni di abitazioni e le cabli in fibra in 8,5 milioni di abitazioni.
    Rimangono gli altri 19 milioni di abitazioni, quindi a 400€ l’uno: 7,6 mld di €…

  2. Da mettere in conto i costi per il recupero, il CU di TI non è poi cosi’ facile da recuperare, almeno un terzo di questo è posato in “trincea” e quindi perso.Quello aereo è in “estensione” e quindi rimane, visto che nn è economicamente conveniente andare a portare FTTH alla vecchina di Borgo al Cerro. L’unico recuperabile è quello posato in polifera,nelle citta’ o nei paesi medi. Questo arriva di norma all’armadio stradale, per poi ripartire verso le abitazioni in “trincea”.
    Parlando l’altro giorno con un ingegnere delle software farm di TI, mi diceva che nn riescono a censire esattamente quanrta fibra ottica hanno posata, visto che molta di essa non è loopata o attestata ad apparecchi trasmissivi. Ritengono di averne censita circa il 60%. Perche’ nn chiederlo a Pileri?

  3. altro discorso sugli investiment: statisticamente portare ftth costa dai 400 ai 1000 euro per abitazione, chi non pagherebbe 20 euro al mese di canone per avere la fibra? significa un rientro, solo da canone, in 3-4 anni, quindi gli investimenti sono un alibi…ne ho parlato oggi in telecom, risposta: se fossero 20 euro in più rispetto al canone attuale sarebbe fattibile, solo che: 1) i cinesi ci vendono vdsl a 34 euro per porta omnicomprensivi (olt, onu, splitters,software. 2) perchè rinunciare al canone della voce visto che questa non ci costa niente? il paese ringrazia.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *