Siete su Scherzi a parte !

Telecom Italia deve fare l’offerta Bitstream cost plus secondo le migliori pratiche europee (la farina all’ingrosso per fare il pane (le adsl))

e infatti presenta ad Agcom una offerta bitstream che ha dei prezzi da 10 a 20 volte superiori alle migliori pratiche europee.

Agcom deve ancora approvare questi prezzi esorbitanti, e si spera che pensi ai consumatori…

Come se cio’ non bastasse, pero’, Telecom ha appena mandato una mail agli operatori che presenta dei prezzi all’ingrosso ancora maggiori di quanto previsto nell’offerta bitstream di cui sopra !!!!

questa e’ proprio grossa…!!!

inoltre..

l’offerta bitstream equivale ad affittare un’automobile. La velocita’ alla quale vai, dipende dalla condizione della strada (il rame) e da quanto sei bravo a guidare, da quanta benzina vuoi consumare, ecc,

calando l’analogia nell’ADSL,  in sostanza diventa, "ti affitto un pezzo di apparato", se poi l’operatore setta il clock rate a 2 o a 6, sono cavoli suoi.

Invece Telecom fa una offerta che ha dei prezzi che dipendono dalla velocita’! che e’ proprio un controsenso! Non si affitta l’autista (che vuole prezzi diversi a seconda della velocita’), ma l’AUTO!!!

Direi che non ci sono dubbi…

Telecom Italia renderà disponibili nell’offerta bitstream, pubblicata il 13/06/2007, i suddetti profili.

Com’e’ che aveva detto quell’azionista in Assemblea Telecom ?

"e’ difficile lavorare onestamente, lo capisco, ma non potete fare uno sforzo ?"

C’e’ sempre la speranza che un giorno, alla Truman Show, si rompe una scenografia e scopriamo di essere su Schezi a Parte!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

3 thoughts on “Siete su Scherzi a parte !”

  1. Due osservazioni:
    – è inquietante il fatto che i nuovi profili verranno resi disponibili a partire dal 23 Ottobre; perchè il 23 Ottobre? Hanno motivo di pensare che l’offerta bitstream verrà approvata OLTRE il 23/11?
    – il costo del “backhauling Ethernet” costa almeno il 13% in meno rispetto al backhauling ATM

  2. “La libera concorrenza è una sorta di religione laica del nostro
    tempo. Ma come ogni religione ha bisogno di precetti così il mercato
    ha bisogno di regole. Che solo quando il mercato è maturo
    possono essere quelle generali che presidiano la libertà raggiunta.”
    Corrado Calabrò ” Introduzione alla Relazione Annuale 2007″
    Però, con queste premesse stona qualcosa, non trovate??
    Altro che scherzi a parte..
    IMHO!!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *