Rallenta l’accelerazione della velocita’ di crescita della spesa della Camera dei deputati

Sto ascoltando Radio 24. Il deputato questore Galante, che e’ uno dei 3 che fa il bilancio della
Camera, ha detto che il conduttore fa demagogia perche’ ha ribadito che il
costo della Camera, nonostante gli oltre 100 disegni tagliaspesa relativi
alla Camera che sono stati presentati, aumentera’ del 2,94%.

La verita’ non demagogica, a suo dire, e’ un’altra. 3 anni fa la crescita
dei costi rispetto a 4 anni fa fu di oltre il4%. “stiamo frenando una
macchina in corsa”, ha detto.

Se riusciamo a generalizzare la scoperta, abbiamo la soluzione al problema
energetico: frenando la velocita’ aumenta comunque!.

Se lo sanno a Stoccolma, il Nobel per la fisica e’ sicuro.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

6 thoughts on “Rallenta l’accelerazione della velocita’ di crescita della spesa della Camera dei deputati”

  1. Beh scusa ma se consideriamo la spesa annuale assoluta come la posizione della macchina, la velocità è l’aumento percentuale e l’accelerazione è la velocità con cui aumenta questa percentuale, in questo senso stanno frenando (e non è un per niente un brutto paragone). In questo caso l’energia (che è proporzionale alla velocità al quadrato) starebbe comunque diminuendo.
    Comunque questo non giustifica affatto l’aumento continuo oltre l’inflazione dei costi del parlmento, visto che già abbiamo il record europeo su questo fronte!

  2. Assegnerei anche un Nobel per la geometria ad Andreotti per la famosa teoria delle convergenze parallele: altro che geometrie non euclidee!
    L’ho sentita in diretta pure io quella dichiarazione e sono stato tentato di spegnere la radio: ho provato un disgusto troppo forte, incompatibile con la guida dell’automobile…

  3. Mentre ai politici sembra sfuggire tutto il mondo che li circonda sembrano avere ben chiaro il concetto di “derivata seconda” … non male direi 🙂

  4. Ad ogni cambio di presidente rinnovano qualcosa.
    C’è chi ha rifatto pza montecitorio
    C’è chi ha ristrutturato la facciata intera del palazzo.
    Poi c’è la carta. tanta. troppa.
    Viene dal poligrafico dello stato.
    poi c’è il costo delle manutenzioni ordinarie
    Poi ci stanno outsourcing:
    tappezzieri
    telefonisti
    sistemisti
    addetti alla rete
    muratori
    elettricisti
    chi si occupa di mobili, quadri
    le cartucce delle stampanti a go go
    le fotocopiatrici sempre rotte
    spese per le mense/ ristoranti
    spese per i commessi
    spese per le pulizie
    poi ci sono spese per una marea di servizi che nessuno conosce e pochi usano
    barbiere
    stireria
    libreria con lo sconto
    biblioteche
    e poi
    computer
    telefoni
    fax
    agende
    … un’idrovora di soldi insomma.
    Da sempre.

  5. Non frenanano accelerano meno rapidamente (derivata seconda ancora positiva) e poi le convergenze parallele non sono della politica ma della Geometria Proiettiva (il professor Dicuonzo era un grande in Geometria I mi ha aperto un mondo!…)

  6. non sarebbe meglio fare una riforma costituzionale e tagliare il numero di deputati e senatori? o far fare una drastica cura dimagrante al governo (numero ministri e sottosegretari)?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *