Perche’ non comprero’ un Kindle e gia’ che ci sono passero’ da Amazon a Barnes And Noble

Bel post che riporto tradotto (mi dispiace Diego, sono sempre stato contro i lucchetti).

The Future of Reading (Il futuro della lettura: una commedia in sei atti)

"The future of reading è il titolo dell’articolo di Newsweek che parla del Kindle di Amazon"

Atto I: L’atto di comprare

Quando qualcuno acquista un libro, sta anche acquistando il diritto a rivenderlo, prestarlo o anche regalarlo, se lo desidera. Tutti capiscono cio’.

Jeff Bezos, Open letter to Author’s Guild, 2002

Non puoi vendere, affittare, concedere in leasing, distribuire, trasmettere, sublicenziare o in qualsiasi altro modo assegnare alcuno dei diritti del Contenuto Digitale o di alcuna parte di esso ad alcuna terza parte, e non puoi rimuovere ogni informazione proprietaria o etichette sul Contenuto Digitale. Inoltre non puoi e non devi incoraggiare, assistere o autorizzare qualsiasi altra persona a bypassare, modificare, violare o aggirare le funzioni di sicurezza che proteggono il Contenuto Digitale.

Amazon, Kindle Terms of Service, 2007

Atto II: L’atto del dare

Se lui presta il suo computer, lei puo’ leggere i suoi libri. A parte il fatto che tu potresti andare in prigione per molti anni per consentire ad altri di leggere i tuoi libri, l’idea in sè lo ha scosso. A lui è stato insegnato fin dalle scuole elementari che condividere i libri è disgustoso e sbagliato…

Richard Stallman, The Right to Read

Non puoi darli come regalo, e a causa di restrizioni software contro la pirateria, non puoi prestarli o rivenderli.

Newsweek, The Future of Reading

Atto III: L’atto di prestare

Come forse avrete letto nei giornali nei giorni scorsi, noi siamo stati criticati dai leader di una piccola ma rumorosa organizzazione perchè noi vendiamo sul sito (Amazon) dei libri usati. Questo gruppo (che incidentalmente e’ la stessa organizzazione che ogni tanto sostiene si debba far pagare alle biblioteche pubbliche quando prestano i libri) dice che noi facciamo un danno all’industria del libro ed agli autori offrendo libri usati ai nostri clienti.

Jeff Bezos, Open letter to Author’s Guild

Le biblioteche hanno sviluppato procedure di prestito per versioni precedenti di libri elettronici – come le cassette nei telefilm di Missione Impossibile che evaporano dopo il periodo di prestito – e Bezos dice che è aperto all’idea eventualmente di farlo con il Kindle.

Newsweek, The Future of Reading

Atto IV: L’atto di leggere

Era terribilmente pericoloso lasciare che i tuoi pensieri vagassero quando eri in un luogo pubblico o entro il raggio di un teleschermo. Il piu’ piccolo dettaglio avrebbe potuto tradirti. Un tic nervoso, una espressione inconscia di ansia, l’abitudine di mormorare tra te e te – ogni cosa portasse con se’ l’idea dell’anormalità, o di avere qualcosa da nascondere. In ogni caso, avere una espressione facciale impropria… era essa stessa un reato da punire. C’era anche una parola nella neolingua: psicocrimine

George Orwell, “1984″, Book One, Chapter 5

Il Software del Dispositivo fornirà ad Amazon dati riguardo il tuo Dispositivo e l’interazione con il Servizio (come ad esempio memoria disponibile, uptime, files di log e livello del segnale) e informazioni legate al contenuto sul tuo Dispositivo  e l’uso che ne fai (come ad esempio  segnalibri automatici sull’ultima pagina letta e cancellazioni di contenuti dal Dispositivo)  Annotazioni, segnalibri, note, evidenziazioni o altri segni simili che farai nel tuo dispositivo verranno replicate (backed up) mediante il Servizio.

Amazon, Kindle Terms of Service

Atto V: L’atto di ricordare

 

Giorno dopo giorno e quasi minuto dopo minuto il passato veniva aggiornato. In questo modo ogni previsione fatta dal Partito poteva essere dimostrata corretta supportata da evidenze documentali; a nessun elemento di notizia, o nessuna espressione di opinione che confliggesse con i bisogni del momento,  era concesso di restare nelle registrazioni. Tutta la storia era un palinsesto ripulito e riscritto esattamente tutte le volte che era necessario.

George Orwell, “1984″, Book One, Chapter 3

Un ulteriore cambiamento possibile: con i libri connessi, il collegamento tra autore e libro è ancora attivo dopo l’acquisto. Gli errori possono essere corretti istantaneamente. Aggiornamenti, no problem.

Newsweek, The Future of Reading

Atto VI: L’atto di imparare

Se non riescono in qualche modo a trovare un accordo con gli editori dei libri di testo, posso immaginare molti studenti che passeranno a questo. Dimenticati tutti i libri di testo e tieni solo questo singolo dispositivo elettronico.

Ankit Gupta

La policy della scuola era che ogni interferenza con gli strumenti di monitoraggio dei computer degli studenti poteva essere oggetto di sanzione disciplinaria. Non importa se tu non facessi niente di dannoso – il danno era rendere difficile agli amministratori di controllarti. Loro presumevano che ciò significasse che tu stessi facendo qualcos’altro di proibito, e non avevano bisogno di sapere cosa fosse.   

Gli studenti solitamente non venivano espulsi per questo – non direttamente. Invece venivano esclusi dai sistemi informatici della scuola e, inevitabilmente, fallivano in tutte le materie. 

Richard Stallman, The Right to Read

I tuoi diritti secondo questo Contratto, termineranno automaticamente senza preavviso da parte di Amazon se tu non ottempererai a tutte le condizioni di questo Contratto. In caso di questa terminazione, devi cessare qualunque uso del Software e Amazon può revocare immediatamente il tuo accesso al servizio o al Contenuto Digitale senza preavviso e senza rifonderti alcun pagamento.    

Amazon, Kindle Terms of Service

una delle cose carine di dmin.it e’ che rende possibile una simmetricità dei diritti. Se un fruitore  vuole dare i propri dati personali al fornitore dei contenuti (magari in cabio di sconti), può farlo e se lo desidera può anche associargli una licenza d’uso per cui se il fornitore dei contenuti la viola, l’utente puo’ rivalersi legalmente e per le stesse pratiche. esattamente come oggi fanno alcuni fornitori di contenuti.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *