Video via rete: tira o no ?

Link: Wal-Mart cancels movie download service | Technology | Internet | Reuters.

Wal-Mart Stores Inc quietly canceled its online video download service less than a year after the site went live, a company spokeswoman said on Thursday.

Secondo Walmart, no.

Link: Viacom.

Driven
by music, MTV.com, VH1.com and CMT.com video streams topped more than
1.2 billion in 2007, 30 percent more than 2006 — an all-time record
for the collective brands within MTV Networks’ Music Group, which now
attracts nearly 30 million unique visitors every month

Secondo Viacom, si.

Ma la cache sta presso l’utente o presso la rete ? (ovvero, il business della trasmissione lo controlla il titolare dei diritti che controlla il settop box su cui viene messo in cache il contenuto o lo controlla l’operatore telefonico che forza lo streaming del contenuto ?)

La risposta tipica e’ : lo controlla l’operatore per fare lo streaming inibendo la possibilita’ di saltare la pubblicita’ (o consentendo di farlo, a seconda della strategia).

Pero’ chi ha un DVR che fa timeshifting, apparentemente non salta poi cosi’ tanto la pubblicita‘. Download DVR_VIEWERS.pdf

While fast-forwarding through the ads is still an issue, not all people who use a DVR fast-forward. 
The data show that less than half of people who watch a recorded program fast-forward through the ads during playback.

Intanto "si dice" che Apple distribuirà i video della Fox: AppleInsider | Report: Apple, Fox sign movie rental deal for Macworld.

Apple
is likely to use Macworld as the venue for an announcement which will
see 20th Century Fox license its movies for an iTunes on-demand rental
service, according to an article by the Financial Times.

Tutti questi sistemi prevedono misure techniche di protezione (TPM), generalmente e imprecisamente chiamate DRM.

Intanto la Warner fa un esperimento con Amazon per vendere musica senza misure di protezione Link: MacNN | Amazon beats Apple to non-DRM Warner music.

The
online retailer does not say how much of the Warner catalog is in place
but explains that the store will carry album bundles with exclusive
tracks

E’  bene ricordare che il negozio e’ limitato solo agli USA.

Una cosa che mi ha colpito negli USA una decina di anni fa e’ stato un mio amico che e’ entrato in un negozio a comprare del software (c’erano ancora), e’ andato a casa, lo ha provato, non gli piaceva, lo ha riportato in negozio e gli hanno restituito i soldi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

2 thoughts on “Video via rete: tira o no ?”

  1. Il problema è che un sistema di business consolidato non esiste, in quanto tutti sono troppo ancorati al modello precedente che si fondava su:
    – stabilire il prezzo del prodotto
    – stabilire le quantità di vendita
    – controllare tutta la filiera distributiva
    Con internet gli ultimi due punti sono storia, aprendo problemi (devo trovare un nuovo modello di business) e risolvendone altri (tutti i costi di distribuzione sono molto piccoli).
    Alcuni artisti come David Bowie, RadioHead, Morgan Freeman stanno muovendo i primi passi per superare le paludi del copyright ma sono ancora una goccia in un oceano.

  2. Il live service della microsoft su 360 e’ molto avanti (anche se l’infrastruttura soffre un po’ le festivita’ :), il Thanksgiving e il periodo natalizio l’hanno messo in crisi). Fox, Comedy central, CBS, Warner Bros, Paramount stanno gia’ sperimentando da tempo su 360 e suppongo che tutte le controllate aspettino un servizio simile su ps3. Credo si sia ancora alla ricerca di un equilibrio e che tutto sia dipendente dalla situazione USA (gli unici che producono contenuti in grado di attrarre un numero sufficentemente grande di utenti).
    La restituzione fa proprio parte dell’idea di servizio (e probabilmente propria della mentalita’ e maturita’ del consumatore di non abusarne o frodare).
    Buon Anno

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *