Chi non mangia carne si chiama “vegetariano”, una volta si chiamava .. “povero”.

E’ una battuta di Lino Toffolo che raccontavo sempre quando spiegavo che si, mangio pochissima carne e pesce e che no, non sono vegetariano ne’ animalista.

Lo facevo per spiegare che mangiare carne tutti i giorni e’ per noi come per gli americani mettere ghiaccio in ogni bicchiere, una tradizione che si e’ sviluppata come simbolo di benessere. 

E che più della lettura del libro di Rifkin e delle chiaccherate con lui, avevo deciso di cambiare comportamento scegliendo cio’ che mangio e non per abitudine.

Ho anche regalato Fastfood Nation a mia moglie ma non e’ riuscita a leggerlo. Comunque il fatto che io mangi pochissima carne e praticamente mai, in casa, ha diminuito i consumi di tutta la famiglia (l’overhead a dover cucinare cose diverse e’ un grosso incentivo).

Ora questo articolo (tradotto dal New york times) La bistecca fa male alla Terra l’effetto serra ci cambia la dieta. di fatto riprende alcuni dei concetti di "Beyond Beef" di Rifkin del 1992 (16 anni fa), peccato che non venga nemmeno citato.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

2 thoughts on “Chi non mangia carne si chiama “vegetariano”, una volta si chiamava .. “povero”.”

  1. wow hai fatto delle chiacchierate con Rifkin? Complimenti! Ne ho parlato a lezione di sociologia…
    se non sbaglio è quello che pensa che dall’italia partirà un “secondo” Rinascimento…
    Chissà se mantiene tutt’ora la stessa opinione…
    forse intenedeva un “rinascimento” dalle macerie (o dai rifiuti magari…)

Leave a Comment

Your email address will not be published.