Alcuni piu’ uguali degli altri

Link: Google’s Android platform: not so open after all.

Third-party Android application developers, who have grown increasingly frustrated with the lack of SDK updates, were shocked to discover that Google has been secretly making new versions of the Android SDK available to the Android Developer Challenge (ADC) finalists under non-disclosure agreements

Viva Android, la piattaforma aperta di Google per il telefonino !

Soprattutto se fai parte del limitato numero di soggetti, scelti da Google, che ha accesso all’ambiente di sviluppo aggiornato (sotto accordi di non disclosure. Chissa’ cosa ne pensano Sergej e Larry e nella scala di "non-evilness" passa la sufficienza).

Per gli altri, c’e’ sempre Symbian.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

6 thoughts on “Alcuni piu’ uguali degli altri”

  1. Non solo symbian per fortuna….
    O almeno fino a quando Nokia chiarirà cosa davvero sarà reso open di Symbian
    Per il resto di noi, cresciuti a pane e fsf, c’è però openmoko e trolltech, sempre che nokia sappia relazionarsi correttamente con la community.
    Certo Google ormai ha scordato il suo motto!

  2. Questa delusione è il giusto risultato per chi ha posto tanta attenzione verso Android, quando esistevano progetti opensource ben più validi e con una lunga storia di totally open alle spalle.
    Symbian sarà da considerarsi quando sarà open (e vedremo con che licenza). Openmoko sarà open, ma è fuffa nella logica del progetto (serve a vendere un hardware specifico).
    Trolltech ha un futuro su dispositivi diversi dagli smartphone, credo che Nokia l’abbia acquisita con fini ben diversi.
    L’attenzione è da rivolgersi su LiMo.

  3. Vincenzo Vicedomini

    se posso dire la mia: un freeBSD “vestito” ad-hoc si fuma tranquillamente il 90% dei sistemi citati … e questo è ben più del frutto di una “religione” da sistema operativo, è il frutto di installazioni su demo-boards Arm5, Arm7 e Arm9. Open Moko è un giocattolo per smanettoni e dubito che possa avere forza a sufficienza per ottenere le certificazioni che lo abilitano alla vendita … Per Symbian : è solo un buon sistema operativo per telefonini …

  4. Stefano, come la vogliamo girare girare sappiamo entrambi che occorre un discriminante per sapere se una cosa e’ vera o falsa, buona o cattiva… non serve neanche doversi cibare Goedel… quando e’ uscito Android onestamente sono stato colto dalla tentazione di farci un giretto, per fortuna non ci ho perso tempo, ma in definitiva e’ un bene che ci sia stato (ie: se non ci fosse stato aziende come Nokia non sarebbero andate open; per lo meno non si sarebbero incamminate in quella direzione). Diciamo solo che ha quasi esaurito il suo compito.
    Gianmarco, perchè dici che Openmoko sia una fuffa? Onestamente non ho letto personalmente nè tutte le licenze nè tutto il codice, ma non sembra ci siano dei lock-in (tecnici, legali o sociali) che legano il software ad un hardware specifico… certo, hanno sviluppato soltanto una piattaforma… con quello che costa svilupparne una! Sviluppane tu un’altra così gli hardware sono due. E non mi dire – un’altra volta – che il firmware della radio e’ chiuso perchè gravato dalle royalties del gsm; quella e’ una condizione comune a TUTTO. LiMO: “industry consortium dedicated to creating the first truly open, hardware-independent, Linux-based operating system for mobile devices”. Ovvero OpenMoko con un layer di astrazione (dall’hardware) in più… dove c’e’ la parola “industry”, soprattutto se coniugata con “truly”, c’e’ sempre e solo più complessità e più marketing (ie: più costi), non più opnenness.
    Vincenzo, OpenMoko e’ gia’ in vendita e venduto. Di quali certificazioni stai parlando?

  5. Vincenzo Vicedomini

    @mfp : Parlo delle certificazioni FCC, del CE e il rispetto di tutte le direttive relative alla sicurezza (non vedo nulla sul loro sito). Se poi ha la solita autocertificazione del produttore …
    Comunque chiarisco che sono contrario ad usare Linux o un software con licenza GNU in un prodotto commerciale, preferisco la licenza freeBSD. E questo perchè ritengo giusto che una parte del mio lavoro debba restare “chiusa”. Quindi non mi stupisco della scelta di BigG.

  6. la motivazione è molto semplice : Android non è stato ancora rilasciato…
    gli sdk che si trovano sul web sono delle “anteprime” ed è scritto nel disclaimer che servono solo per permettere agli sviluppatori di capire la piattaforma e come si sviluppa su di essa.
    La politica dovrebbe essere di rilasciare l’SDK completo con la prima build per i produttori. Nel frattempo l’hanno dato ai vincitori del contest per inserire nella prima build un minimo di lato applicativo, se si legge la descrizione dell’award era stato fatto proprio per questo motivo… (sicuramente insieme alla versione più recente dell’SDK avranno fornito anche devices di test, dato che senza devices reali è impossibile creare applicazioni consistenti e commerciali),

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *