Perché non ammettere la Deep Packet Inspection

Bel testo di Reed, la sua testimonianza al congresso USA

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

4 thoughts on “Perché non ammettere la Deep Packet Inspection”

  1. Reed ha ragione da vendere, ma a mio parere commette due errori di metodo:
    1) pur inizialmente definendo i “real time packet inspection systems” e i “real time packet updating systems” come due cose diverse, per il resto del documento continua a trattarli come una cosa sola, facendo di tutta l’erba un fascio.
    2) pur avendo delineato diversi possibili UTILIZZI della Deep Packet Inspection, Reed si concentra sulla tecnologia DPI in quanto tale, invece dell’uso che qualcuno ne potrebbe fare, fino ad arrivare a consigliare di proibire l’uso di tale tecnologia.
    L’argomento di Reed per cui la DPI andrebbe contro i principi alla base di Internet e’ valido, anche se non lo prenderei come un assioma neppure se enunciato da Reed.
    Ma sentire un “uomo di scienza” consigliare l’interdizione all’uso di una tecnologia e’ francamente sorprendente. Immagino ci fosse chi si opponeva persino al telegrafo, o per usare un altro esempio, diciamo che l’energia atomica e’ ben piu’ pericolosa della DPI, ma si sono guardati bene dal vietarla.
    Piuttosto, -e l’esempio dell’atomica calza- andrebbe regolamentato l’UTILIZZO che di tale tecnologia si puo’ fare, e a mio parere qui tornerebbe molto utile la distinzione tra “packet inspection” e “packet updating” come dice descritta da Reed. Invece non c’e’ una parola a riguardo in questo documento, mentre qualcosina me la sarei aspettata, anche se Reed precisa di stare argomentando solo riguardo l’aspetto tecnico.
    Per scendere un po’ piu’ nel merito poi, se come dicevo sopra il fatto che la “Deep Packet Inspection goes against the separation of concerns that has been a hallmark and generator of the Internet’s success” e’ un argomento generale certamente valido, trovo meno giustificato quanto usato da Reed per chiudere il suo intervento:
    “encryption from end-to-end, while a potential solution, has public policy
    implications. This committee and Congress have gone through those issues many times.
    I personally would like to see all communications activities fully protected by strong
    encryption, but I fear that reaching that point will encounter many obstacles. If the
    primary problem the encryption is to deal with is an unnecessary technology such as
    Deep Packet Inspection, a simpler solution would be to bar the use of Deep Packet
    Inspection systems.”
    Reed si dice sostenitore della cifratura delle comunicazioni, ma menziona correttamente che l’encryption ha delle “public policy implications” e la sua adozione incontra numerosi ostacoli, tralasciando di precisare che queste implication riguardano proprio il fatto che l’encryption impedisce l’intercettazione, controllo e modifica delle comunicazioni end-to-end, cioe’ tutte le cose sgradevoli che Reed imputa alla DPI. E’ disposto a rinunciare all’encryption per permettere al governo di intercettare le comunicazioni, ma non permette che questo venga fatto tramite la DPI. Inoltre, citando piu’ volte la Legge di Moore, Reed indirettamente ci dice che tale legge gioca anche a favore degli utenti che vogliano implementare la cifratura per proteggersi dalla DPI perpetrata dagli ISP.
    Infine, a meno che mi sia sfuggito, Reed non ha spiegato perche’ considera la DPI “unnecessary”.

  2. condivido il primo errore di metodo, meno il secondo.
    non e’ che bisogna pensare che bisogna analizzare tutto il traffico per essere in grado di operare.
    sarebbe un po’ come pensar che l’unico modo per fare una indagine è usae le interecettazioni.
    vogliamo interecettare tutto e tutti perche’ cosi’ risolviamo i problemi ?
    e’ una questione di fondo. a me un mondo siffatto non piace. smetterei piuttosto di usare la rete. (o userei tutto criptato ma anche questa e’ una deriva che non mi piace).
    vedi http://blog.quintarelli.it/quintanews/2008/07/20080716-libero.html

  3. “vogliamo interecettare tutto e tutti perche’ cosi’ risolviamo i problemi ?”
    assolutamente no.
    ma la DPI con questo c’entra ben poco, IMHO.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *