P2P, Acquario e circolo virtuoso: aka come ascoltare canzoni gratis su Internet (2,3 milioni)

Enzo, a roma al convegno dell'istituto per le politiche dell'innovazione dove interveniva come presidente FIMI, ha detto "noi non siamo industria discografica, siamo industria musicale; non vendiamo piu' dischi, creiamo un acquario dove gli utenti si muovono"

(Gli ho fatto i complimenti per lo slogan  (che, btw, si presterebbe a gustose metafore…). Poi la sua anima istituzionale ha preso (doverosamente) il sopravvento reclamando la tassa sugli ISP, a mio avviso utopica…)

Voglio spezzare una lancia a supporto di Paolo Barberis (disclaimer: mio amico da vari lustri).

Lui l'acquario lo ha fatto davvero.

Molti siti internet, anche con nomi glamorous fanno ascoltare musica online dicendo "siamo una radio, non paghiamo i diritti per utente"; Su dada.it (vedete il widget a destra sul mio blog ?) avete accesso gratuito a 2,3 milioni di canzoni, ascoltabili in streaming; con tutto il sistema di raccomandazioni, sharing di playlist, ecc., stream per i quali dada paga i diritti alle major (remunerandoli con altre attivita'; almeno e' sicuro che non verrà chiuso.).

Ecco, a me sembra un bell'esempio di azienda italiana, che innova, con un ruolo importante nel mondo, presente in n paesi del mondo, con headquarter a firenze, 200M di fatturato, … una bella storia, da sostenere e, IMHO, diffondere.

Tornando al tema del P2P, Marco descrive un esempio di circolo virtuoso, nell'ottica dell'acquario, innescato dal P2P:

  • Scarico in ottobre (appena uscito ) Wall-E (media qualità, audio in inglese)
  • Lo vediamo un paio di volte con i bambini sul Mac con media soddisfazione
  • Il sabato successivo vado al cinema con i bambini (tre biglietti 18 Euro c.a.)
  • Compriamo un piccolo Wall-E e una piccola EVE (20 Euro c.a.)
  • Torniamo al cinema dopo due settimane perchè un amichetto voleva vedere Wall-E e siccome è bellissimo, lo possiamo certificare, si torna (noi 4 + 2 = 6 biglietti c.a. 40 Euro)
  • Vista la passione i nonni regalano un Wall-E e una Eve mid size (40 Euro per i due)
  • Per il compleanno arriva un Wall-E mid size motorizzato e telecomandato (50 Euro c.a.)
Totale 168 Euro a valle di un download P2P.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

2 thoughts on “P2P, Acquario e circolo virtuoso: aka come ascoltare canzoni gratis su Internet (2,3 milioni)”

  1. Ma credo che il circolo virtuoso che hai citato non dipenda tanto dal p2p, quanto dal fatto che c’era a priori la curiosità di vedere un prodotto abbastanza promettente. Il p2p a monte è un plus che consente di selezionare meglio come spendere i propri soldi.
    Es, se il film non fosse stato all’altezza o fosse stato palesemente diseducativo o deludente, non sarebbero andati a vederlo al cinema etc etc.
    Poi non sempre la visione anticipata si tramuta in visione al cinema, spesso si scarica un film solo perchè ci incuriosisce, dieci anni fa non saremmo andati a vederlo al cinema, magari aspettato in tv.
    Il p2p è un’opportunità, non una piaga nè un sostitutivo del cinema e dell’home video.

  2. Il fatto è che qualsiasi altra cosa la puoi vedere/provare prima di pagarla
    mentre al cinema prima paghi, poi eventualmente apprezzi (ma anche no) … col p2p ristabilisci un “ordine normale”, ma per chi è abituato in un modo di certo non è facile riabituarsi

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *