Chi l’ha detto ?

"if public infrastracture takes the place of private investment in this area, you will have a big challenge in terms of the kind of revenues that you generate from telecommunications, and therefore I think that from the private telecommunications industry point of view, this is definitely a big challenge and at some point it may even create a long term problem for the survival of the industry "

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

3 thoughts on “Chi l’ha detto ?”

  1. enrico lanzavecchia

    è certamente permesso essere brainless.
    se non lo si è, si capesce in fretta che è quasi sempre un errore assegnare la decisione su quanto investire a chi non doivrà poi rispondere di come gli investimenti saranno utilizzati. in altre parole, meglio se a valuatare l’opportunità degli investimenti (e a sostenerne l’onere) sono gli stessi che poi li utilizzano per fornire servizi.
    ci sono eccezioni da considerare, garanzie all’accesso (alle reti e prima ancora ai finanziamenti) e cautele regolatorie da imporre, ma la regola di buon senso è quella, confermata da un 150 anni di esperienze in diversi settori industriali.
    posso capire che per un ISP sia preferibile un modello in cui chi fornisce servizi guadagna e gli investimenti li fa lo stato, ma per il resto della cittadinanza non è così

  2. discorso difficile.
    le tlc sono un costo transazionale per l’economia. se fosse 0, ne beneficierebbero tutti (eccetto l’operatore). se fosse alto, ne beneficerebbe l’operatore (e costerebbe a tutti gli altri).
    il punto e’ che non tutto il valore genereato da una rete di TLC puo’ essere strutturalmente catturato dall’operatore e quindi gl iinteressi in gioco sono molteplici.
    imho, l’unica e’ cambiare la struttura del mercato. in Australia e Singapore lo stanno facendo ; in altri paesi di fatto e’ gia’ sussidiata dallo stato.
    only time will tell

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *