Caso FAPAV: Riaffermato l’ovvio: il sole sorge ad est.

Pirateria, vittoria dei provider “Non c’è obbligo di denuncia” – Repubblica.it.

SOLO l’autorità giudiziaria può obbligare i provider a comunicare i nomi degli utenti che scaricano file pirata, a bloccare siti e servizi che causano gli illeciti.

a
Quinta ‘s weblog: La FAPAV spia gli
utenti e la SIAE applaude
.

Questo
comunicato liscera’ il pelo ai meno competenti di quei 3.000 (su
85.000 associati SIAE) che vivono del diritto d’autore (fonte: Corriere
della Sera) ma ciò non toglie nulla al fatto che la pratica è illecita e
le richieste assurde (il sole non puo’ sorgere ad ovest…).

Resta il fatto che FAPAV ha denunciato il falso o, quantomeno, ha teso a dare informazioni equivoche al giudice. Non e’ un buon viatico per un prossimo processo.

a
Quinta ‘s weblog : La massa degli
utenti italiani spiata dalla FAPAV (Federazione anti pirateria
audiovisiva)
.

Perchè
se FAPAV ha denunciato che gli utenti hanno visitato dei siti, allora
accusa se stessa per violazione di domicilio informatico (accesso
abusivo a sistema informatico, con investigazione privata senza
permesso, reato perseguibile d’ufficio)

Penso anche all’avvocato che ha redatto l’atto e che si è prestato ad
inserire
questa parte, facendo richieste implausibili: se
glielo chiede il cliente, ci può stare;  se invece lo ha consigliato lui
al cliente, non ha fatto un buon servizio al suo cliente.

Resta sempre la possibilita’ che FAPAV abbia fatto una denuncia
dichiarando il falso…

Su questo penso invece che anche l’avvocato che si presta a ciò, non faccia una grande figura..
 
C’e’ sempre il caso che, pero’, abbiano fatto una azione solo per lisciare il pelo agli associati, per dimostrare l’attività, magari a grande richiesta degli stessi..

If you like this post, please consider sharing it.

10 thoughts on “Caso FAPAV: Riaffermato l’ovvio: il sole sorge ad est.”

  1. vincenzo vicedomini

    A ben guardare sembrerebbe che tu abbia ragione perchè :
    1) hanno dimostrato agli associati che sono in grado di “individuare i pirati”
    2) hanno dimostrato che la regolamentazione attuale semplicemente non consente di “operare agevolmente” e concretizzare l’opera.
    Vedremo ulteriori pressioni sul legislatore al fine di bypassare quanto affermato nella sentenza ?

  2. Una buona notizia ogni tanto fa piacere.
    Nell’articolo di Repubblica leggo: “Il giudice così recupera la nota norma europea del codice delle comunicazioni elettroniche, secondo cui gli intermediari (in questo caso, dei provider internet) non sono responsabili di quello che fanno i propri utenti. Telecom addirittura, secondo la sentenza, non è obbligata nemmeno a informare gli utenti, cioè ad avvisarli che stanno commettendo illeciti e a persuaderli di smettere…”
    Mi sembra interessante e da approfondire.

  3. Solo che non hai letto che il giudice ha obbligato Telecom a fornire i nominativi relativi agli IP degli utenti sorpresi a scaricare illegalmente… La vittoria è della Fapav anche se Telecom non può essere giudicata colpevole del traffico generato.

  4. Stefano Quintarelli

    se vieni a sapere che un tuo cliente sta violando la legge (ma non devi guardare il traffico), devi comunicare questo nome all’autorita’.
    ma che un isp debba dare i dati all’autorita’ giudiziaria non e’ una novita’.
    nel caso specifico, pero’, non ci sono, identificativi di utenti, perche’ gli indirizzi IP sono stati troncati.
    se cosi’ non fosse, ci sarebbe una acquisizione illecita degli stessi da parte degli investigatori privati.
    quindi no, nessuna vittoria della Fapav..

  5. @Bob: l’obbligo per l’Isp di comunicare al giudice eventuali reati di cui venga a conoscenza, è previsto dall’art. 17 comma 3 della legge 70/2003.
    Piuttosto non ho capito (non ho l’ordinanza) come il giudice sia arrivato a dire che la Fapav non ha trattato dati!

  6. se il giudice l’ha graziata il Garante che fa? era intervenuto proprio per quello, occorre che prenda una decisione in via amministrativa, non vedo altre strade, insomma se c’è ancora un Garante privacy batta un colpo, we are waiting …

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *