Il miglior abbonamento per dati su cellulare, in assoluto

Come vorreste che fosse ? con tethering, senza, con basso-prioritizzazione di certi tipi di traffico o no ?, a volume o a tempo, con “sessioni” a costo x, o senza “scatto di inizio”, e soprattutto, quanto dovrebbe costare ? (BTW, quanto traffico fate al mese ?)

Sto pensando di scrivere un pezzo sul tema e mi sarebbe utile leggere quanti piu’ pareri possibili. Magari anche qualche opinoine/raffronto dall’estero! (si, proprio tu…!)

…con la saggezza che vi contraddistingue, evitiamo di dire “28Mbps
tutti per me senza alcun limite a 0 euro…”

per i piu’ number-cruncher tra voi, qui sotto, vi do alcuni dati…

… se volete avere un riferimento, qui ci sono tutti i numeri della rete italiana che avevo pubblicato a marzo. Senza dare il numero preciso (lo vendo al miglior offerente 😉  diciamo che per la rete wireless stiamo intorno a 150Meur/Petabyte di investimento.

Un numero di capex-to-revenues plausibile per un operatore wireless è circa il 10% (nel medione c’e’ anche la voce, che pesa poco e rende molto) per cui viene fuori un costo di 1500Euro/PB= 1500 Euro/GB (qui poi ci sono da fare ragionamenti sulla vita utile dell’investimento (quanto è durato l’UMTS, sostituito da HSUPA ?) , sul livello di overbooking, su altri costi da includere tipo voce, SMS,…)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

25 thoughts on “Il miglior abbonamento per dati su cellulare, in assoluto”

  1. Non capisco come non possa essere quello che ho da qualche anno con Tre Italia.
    49 euro / mese con 10 euro di autoricarica ogni 200 minuti/mese di conversazioni ricevute.
    comprende circa 250 minuti / settimana di conversazione, circa 150 SMS/settimana e 50 MMS/settimana 5GB di traffico internet/ settimana (buona copertura HSDPA quanto meno per le zone di mio interesse).
    Telefono (Blackberry Bold 9000) in comodato d’uso gratuito con assicurazione Kasko.
    Praticamente il tutto mi costa mediamente 19 euro al mese.. direi che e’ insuperabile.

  2. Il mio abbonamento ideale sarebbe così strutturato:
    Canone fisso mensile che dà diritto a un certo minutaggio voce, e a un certo quantitativo di traffico. Superate le soglie la tariffa voce dovrebbe essere indipendente dall’operatore chiamato e la tariffa dati a volume. Superata la soglia dovrebbe essere possibile acquistare pacchetti aggiuntivi voce o dati separatamente.
    Naturalmente dovrebbe essere possibile scegleire tra vari livelli di canone in funzione del traffico che si ritiene adeguato. Questa scelta sarebbe bello poterla variare mensilmente. Ancora più bello sarebbe se uno potesse svincolare il canone voce da quello dati.
    Non vorrei offerte di ingresso, mentre non vorrei vincoli di durata minima del contratto.
    Vedrei favorevolmente un canone aggiuntivo per avere un ip pubblico.
    Non ritengo di interesse un eventuale comodato del telefono
    La velocità dati mi va benissimo quella HSDPA se fosse realmente erogata.
    Non voglio distinzione tra traffico wap, internet da telefono e internet da pc.
    Relativamente al costo il livello di ingresso potrebbe essere intorno ai 12-15 eur/mese+IVA per 3 ore/mese di voce e 5 GB/mese dati.
    Il mio abbonamento attuale prevede
    Canone fisso mensile 20 eur + IVA per 200 minuti/settimana e 10GB/settimana di traffico dati. Io non arrivo mai neanche vicino ai limiti suddetti.

  3. Innanzi tutto senza la tassa dell’abbonamento fisso, che e’ un retaggio di quando il cellulare era visto come “roba da ricchi”.
    In seconda istanza, tariffazione “vera” al minuto senza “scatto alla risposta” e altre amenita’.
    SMS a prezzi onesti in base all’occupazione della banda perche’ fra un po’ quando in tanti avranno le connessioni dati nessuno li usera’ piu’ a questi prezzi da vampiri.
    7 cent/min attuale del mio abbonamento mi sembra onesto, se non c’e’ lo scatto alla risposta.
    Traffico dati incluso o a basso costo congruo per permettere mail e la visualizzazione di qualche sito, ma tariffazione separata/aggiuntiva per streaming e assimilati, in quanto SMTP e HTTP occupano la rete in maniera diversa dallo streaming.
    Opzione Passport di Vodafone cosi’ com’e’ senza il 15% di roaming e magari estesa agli USA, ma quest’ultima e’ fantascienza pura.

  4. Io uso attualmente un piano di vodafone che mi fa pagare 30 cent al giorno solo se faccio la prima connessione e poi ho 100 mega di dati sempre al giorno, peccato che l’opzione costa un euro alla settimana per il rinnovo. Secondo me 30 cent al giorno per un piano “flat” (100mega al giorno per me sono difficili da fare col palmare) sarebbe l’ottimale.

  5. Stefano Canepa

    A me farebbe piacere avere un contratto con Internet incluso e con possibilità di tethering, senza restrizioni sulle applicazioni usate. Sarebbe accettabile avere un limite di traffico al mese, una cosa ragionevole nell’ordine dei 2GB. Dovrebbe costare, escluso il terminale, al massimo 10€ al mese sia per ricaricabile che per abbonamento, non capisco, ad esempio, Vodafone che fa 12€ per le ricaricabili e 10€ per gli abbonamenti. Inoltre vorrei l’abbolizione completa del WAP, insomma mi sembra un po’ limitativo per i terminali che abbiamo ora. Per quanto riguarda la mia esperienza avevo l’opzione 3€ a settima di Vodafone e l’ho disabilitata, sono comunque sempre stato sotto il 500MB/settimana. Mi sembra assurdo, pur capendo il motivo tecnico d

  6. la tariffa h3g per ipad mi sembra una buona cosa, 5€/mese per 3gb di traffico.. il mio discriminante è che non sia una tariffa paragonabile a quella di una adsl (per dire: 19/25€ al mese per avere internet mobile non li spenderei)

  7. Facendo un uso piuttosto minimale della connessione dati (mail, social networks, wikipedia), solo testo (immagini disattivate), io loggo circa 100 MB al mese fra upload e download.

  8. parlando solo di dati, l’offerta attuale di h3g con 3GB/mese a 5eur/mese la trovo ideale. Ad ora non sono riuscito ad utilizzare più di 1GB. Quindi direi che preferisco una flat, senza sessioni, scatti etc etc. paghi solo il vero cosumo. A tagli direi che 5GB sono anche troppi, il costo dovrebbe star entro la decina di euro. Quanto a banda, sono d’accordo su quanto detto sopra, se fosse erogata quello che la tecnologia permette per qualche tempo sarebbe ok.
    Non dimentichiamo che fra poco tempo (2 anni ?) potrebbe non bastare, visto che saremo fruitori di multimedia e non solo posta/web via mobile.
    Quanto a limiti sul tipo di traffico, vorrei che tutto fosse neutrale. Magari senza nat di mezzo 🙂

  9. io non sono molto esperto di tariffe dati proprio perchè quando le ho cercate non ne ho mai trovata una che mi andasse bene, e quindi non ne ho mai avuta nessuna.
    io non voglio una valanga di megabit, mi basterebbe anche una 384 o 1 mbit al secondo, basta che sia flat come la mia adsl di casa e non debba avere il terrore di controllare ogni giorno quanti kb, secondi, litri, kilowattora, metri cubi di internet abbia consumato.

  10. Il mio abbonamento dati ideale è flat basata sul traffico effettivo e non sulle sessioni, con possibilità di tethering. Egoisticamente tollererei limitazioni sul tipo di traffico (P2P) in favore di un miglior servizio, ma per principio dico di no. Decisamente no filtri sul VoIP.

  11. Anch’io trovo che la tariffa di 3 per iPad sia buona, anche in considerazione che è valida anche in UK, Austria (che frequento) Hong Kong (che frequento assai meno) e qualche altro paese europeo… Il tethering dovrebbe essere incluso, gli sms dovrebbero essere destinati a sparire.., ma il vero problema è il roaming: quando esci dalla copertura 3 in Italia e quando vai all’estero… iPhone TIM negli USA (dove per fortuna abbonda il WiFi) è un suicidio!

  12. Molto in breve non sono disposto a pagare più di 10€/mese per traffico che non possa usare anche in tethering. Mi sposta poco se mi ricopri di GB solo su smartphone e poi ne uso l’1% se va bene, ma quando sono in mobilità col computer devo pagare a parte.
    Un’altra discriminante per me è la possibilità di avere, a un costo UT o al limite anche con un piccolo aggravio mensile, la possibilità di utilizzare una seconda sim dati che vada ad attingere allo stesso plafond di traffico, senza bisogno di attivare un contratto per ogni dispositivo connesso.
    Se poi saturo il traffico prepagato ne acquisto di più, ma che valga per tutti i device.
    Il problema fondamentalmente mi pare che oggi si faccia molto marketing sui GB e si morda il freno sui servizi accessori (voip, dual sim per dirne due) che ti consentono di usarlo, perché in fin dei conti quel che interessa è che di quel traffico si usi comunque solo una minima parte.
    BTW Oggi pago 29€ mese per una 2,5GB a settimana + 200 minuti a settimana + 200 SMS/MMS. Per una tariffa come quella ipotizzata ne pagherei anche 40, a parità di traffico voce e dati.
    Il terminale incluso m’interessa poco, anche se alla fine dell’impegno contrattuale lo pagassi tanto quanto costa al dettaglio: voglio vincoli minimi e poter cambiare anche dopo un anno.

  13. Stefano Costantini

    2 GB max 15 Eur mese, ma ad una condizione, che sia almeno 1 Mbps … h3g nel 99% dei casi é < 100 k … ed é una pena, ci fai solo mail !!!

  14. > 1500 Euro/GB (qui poi ci sono da fare ragionamenti sulla vita utile
    > dell’investimento (quanto è durato l’UMTS, sostituito da HSUPA ?) , sul
    > livello di overbooking, su altri costi da includere tipo voce, SMS,…)
    farebbe 1.5 Euro al MB, eppure vedo qui commenti che descrivono prezzi di ordini di grandezza inferiore. I conti non tornano

  15. Stefano ci vuole un articolo solo per risponderti 😀
    In breve, tariffa per cellulare: 5€/mese per 3 Giga con tethering. Bloccherei i protocolli p2p, si vive bene anche senza e creano solo problemi ora. Per chi utilizza maggiormente il cell (leggi tethering) potrebbe esserci una tariffa “large” con più Giga a 10€/mese.
    Connessione da chiavetta: anche qui l’offerta di 3 per 300h/19€ è perfetta. p2p bloccato anche qui visto i problemi che crea. Se poi un domani si riuscirà a gestirlo senza appesantire la rete ben venga ma non ora.
    Le domande sono 2:
    1) E’ un po’ inutile parlare di offerta ideale se non si conoscono i margini degli operatori. Per quanto ne so per esempio 3 potrebbe essere il passivo con certe offerte. Questo è un dato da sapere prima di tutto. Quello che si può certamente dire è che le offerte degli altri operatori sono al 99% dei furti legalizzati.
    2) Velocità e copertura. Bisognerebbe cercare di rendere disponibili agli utenti almeno 2 MBit/s e potenziare le reti 3G. Il governo dovrebbe anche prevedere incentivi per far portare agli operatori il 3G dove non è disponibile l’adsl. Insomma, di cose da fare ce ne sono quante se ne vuole.

  16. Mi associo agli Stefano: 5€ al mese con tethering sono una gran cosa, la cosa che conta é la velocità , con h3g a quei 5€ al mese ci si fa solo mail e IM.. esageratamente lento anche per l’apertura di applicazioni. I piani di Tim e Vodafone sarebbero ottimi se solo includessero il tethering.

  17. 10-12 euro/mese per 2GB con limite a 48Kb/s (mail e voip) dopo lo sforamento, tethering trasparente, possibilità di acquistare ulteriori GB, voce VOIP fornita dal gestore, illimitata “on net” e con altri VOIP, con handover tra GSM/UMTS/HSDPA e WIFI, chiamate verso altri operatori (non VOIP) 8-10 cent/min senza scatto. leggermente OT

  18. Il modello che usano alcuni operatori finlandesi é basato sulla velocitá massima senza alcun altra limitazione.
    9,8 Euro al mese per 384 kbps, 14,8 euro/mese per 512 kbps e 19,8 euro/mese per 2 mbps.
    Il modello é facile da capire e da gestire perché identico a quello dell’ADSL e non ha altre limitazioni se non quella della velocitá massima.

  19. Non ho letto gli altri e nonostante del settore sono un novizio sugli smartphone, mentre ho suato spesso la internet key come back up della connessione fissa in vacanza o quando sono in giro
    A me va benissimo un canone flat comprensivo di minuti e traffico dati per lo smartphone; 10 Euro per 2 GB/mese sono più che onesti (non mi interessa il canone a tempo dato che so all’incirca quanro scarico) + €10-20 per 200-300 minuti di chiamate MA senza vincoli se on net o off net e cioè se i numeri chiamati siano dello stesso operatore; accetterei anche di pagare un premium superiore per evitare le tariffe da “community” ed essere libwero di chiamare chi voglio
    Purtroppo per le chiavette fino a Natale c’era un’offerta di Vodafone a €1 al giorno senza limiti di traffico ma era promozionale e ora è disattivata, peccato!

  20. per me tethering non è un’opzione, io la vedo nel seguente modo: pago per il traffico, all’operatore non deve importare in che modo quei bit escono da cellulare.
    Voip assolutamente permesso, 5-6 euro al mese è il mio price point (direi per 1GB di traffico mensile, vedendo la media delle tariffe ora). Fino a 5kbps (G.729) darei priorità al voip (come fa NGI) quando possibile.
    Possibilità del roll over: se sforo il tetto di traffico poter pagare subito un nuovo chunk di dati a consumo.
    Ho wind mega 1500 con un cell nokia con voip sempre acceso.. e tethering quando navigo in mobilità 😉 (si capiva? 🙂 )

  21. Aggiungo un aspetto che non mi pare sia stato toccato. Per me la tariffa ideale dovrebbe avere soglie (da me fissabili sul web) assolutamente invalicabili.
    Es. io non passo al post-pagato perché se mi fregano il cellulare la spesa è potenzialmente infinita; al più il ladro riceverebbe un simpatico SMS di avviso ma potrebbe continuare a telefonare. Analogamente nel caso di roaming, traffico in GPRS o in WAP, ecc. ecc.
    Cioè per me l’abbonamento o la tariffa ideale ha meccanismi seri di protezione dell’utente dai casi in cui scattano le sempre presenti follie tariffarie.
    Ok, non sono un operatore ma soprattuto non credo che i clienti siano tutti, a priori, dei luridi truffatori da bastonare con le note in corpo Enron-font 2pt.

  22. C’è Wind che ultimamente si è messa a fare delle opzioni dati che superato il traffico previsto la velocità viene ridotta a 32 kbps ma non viene addebitato nient’altro. Potevano mantenere almeno 128kbps però…
    Mi sembra una buona idea che imporrei per legge a tutti gli operatori, oppure in alternativa la caduta della connessione.
    Inoltre ha il “rollover” citato da C.la, che loro chiamano Restart: se si esaurisce il traffico lo si può rinnovare prima della fine del mese.
    Wind offre 1 GB al mese a 9 euro e 10 GB al mese a 20 euro. La velocità non è male, peccato che UMTS/HSDPA ci sia solo nelle città più grandi di 30mila abitanti e basta.
    H3G ha un 3G un po’ più capillare di Wind e dei prezzi convenienti, ma la velocità almeno per le offerte più economiche tipo SuperInternet lascia a desiderare, si superano a stento i 60-80KB/s.
    Siccome Internet Mobile lo uso prevalentemente su smartphone, mi basterebbero 250MB a 3 euro/mese (la vecchia offerta Wind No Limit) purchè la copertura UMTS sia capillare. P
    Per il portatile da usare occasionalmente mi starebbe bene anche 20 euro al mese per 10 GB a velocità decente e copertura capillare.
    Ah, dimenticavo NESSUN COSTO DI ATTIVAZIONE! Vorrei attivare e disattivare l’opzione quando mi pare, anche se capisco che gli operatori amano lucrare sulle attivazioni per evitare il mordi e fuggi.
    Bello il sistema finlandese! E’ il migliore, ma ho paura che in Italia adotterebbero dei prezzi troppo alti.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *