Fastweb: 100Mbps e ipotesi di delisting

Qualcosa si muove…

Presidente, partiamo però dal delisting di Fastweb. Alla fine lo farete o no?
Guardi, è un'ipotesi che stiamo valutando da diverso tempo ma nessuna decisione è ancora stata presa.
Può essere più preciso?
L'acquisto delle minoranze di Fastweb presenta vantaggi e svantaggi. Il punto è che un de-listing consumerebbe parte della nostra capacita finanziaria, che è comunque limitata, anche se sono certo che sarebbe un buon investimento possedere tutto il gruppo invece dell'attuale 82 per cento. Ecco perché è importante ponderare l'opzione di acquisto delle minoranze rispetto ad altre alternative, ma su questa questione non abbiamo ancora deciso.
Parliamo di banda larga. Che novità avete in pentola?
Dal 6 settembre lanceremo un'offerta a 100 megabit in sette città (Milano, Torino, Genova, Bologna, Roma, Napoli e Bari), che coinvolgerà 2 milioni di famiglie e imprese, che con 15 euro in più al mese (attualmente 10 euro in promozione, ndr)

FW fibra 100

(thx hf)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

8 thoughts on “Fastweb: 100Mbps e ipotesi di delisting”

  1. Vince chi fa. Non si guadagnano clienti con i roboanti comunicati stampa o con i cartelloni pubblicitari 6×3. Bisognerà vedere i servizi reali e disponibili alla clientela prima di giudicare sul merito, ma di sicuro l’offerta di Fastweb ha dalla sua la disponibilità immediata di una rete di accesso in fibra che nel caso di TI è ancora quasi completamente sulla carta…

  2. Si, infatti. L’avevo notato anche io.
    A giudicare dal cartello non c’erano dubbi, ma così è molto ambiguo.
    Se intende 100 Megabit *Tutti i giorni* ha qualche problema con l’italiano…

  3. 15 Euro di sovrapprezzo sull’attuale offerta Naviga Casa a €34,90 o Joy a €29,90 (entrambe a 20/1 Mbps in ADSL2+ o 10 MBpps in Fibra simmetrici), mi sembrano troppi; con Stefano avevamo visto che di solito il “premio” per offerte simili in fibra era di circa 10 Euro in più rispetto a quelle base. Penso che partiranno con 15 (10 in offerta) ma dovranno “calare” stabilmente a 10 Euro di sovrapprezzo, sempre che il mercato italiano percepisca il valore aggiunto della maggiore velocità (sperando che anche il vero througuput sia 5-10 volte l’attuale)

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *