Copyright oltre il ridicolo

Time Warner Cable iPad flap heats up – Entertainment News, Technology News, Media – Variety.

Time Warner Cable is facing litigation from at least one of Hollywood’s majors in a matter of days over its iPad app that transmits live TV channels within a subscriber’s home, according to a programming executive with knowledge of the situation.

Time Warner Cable distribuisce contenuti di major di hollywood via cavo. Ha fatto una app per cui l’ipad diventa uno schermo aggiuntivo del loro STB (non so come avvenga tecnicamente, immagino che funzioni solo con access point forniti e gestiti da TWC).

Le major titolari dei diritti urlano allo scandalo ! Al ladro ! al ladro ! stanno rubando la loro proprietà intellettuale! i contratti sono per TV, non per Tablet ! per i Tablet occorre un diritto aggiuntivo (che va pagato..).

Ho un TV in casa senza sintonizzatore, ma con un decoder esterno. E’ un TV ? potrei guardare una cosa distribuita da TWC su quello o sono un ladro come uno che ruba una borsetta ?

propongo che si stabilisca un costo del diritto per ogni dispositivo. (intendo marca e modello). Cosi’ almeno siamo sicuri…

La cosa interessante è che

Distributors believe that as long as the app is restricted to viewing
within the subscriber’s residence, the iPad is no different than any
other TV in the house.
..Tom Rutledge, Cablevision’s chief operating officer,.. “The location is the definition of the content,” he said.

 
ovviamente i titolari dei diritti la pensa no diametralmente all’opposto.  perchè se passasse questa linea di pensiero (favorevole ai Clienti), non importerebbe il dispositivo nè la fonte del contenuto…

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

9 thoughts on “Copyright oltre il ridicolo”

  1. Se poi fischietti una canzone per strada oltre a violare il copyright commetti anche l’atto impuro di modificare l’opera dell’autore senza il suo consenso.
    Che dire: lasciamoli fare che di questo passo si impiccheranno con le loro stesse mani. Ormai sono arrivati al ridicolo!

  2. Quanto hai ragione Lopippo. Il problema infatti e’ l’incertezza in cui finiamo che finisce per avvantaggiare lo status quo. Se ci fosse certezza in un senso, si potrebbero sviluppare business model, attivita’ imprenditoriali, ecc. Se ci fosse certezza in un altro, ci toglierremo dalla testa certe idee e potremmo sviluppare altri business model. Il fatto che “in teoria dovrebbe essere cosi, quindi potrei fare questa nuova attivita’ cosa’, ma dato che non e’ cosi’ nei fatti, anche se non si potrebbe, il business model no sta in piedi. Allora visto che di fatto e’ cosi’, allora faccio cosa’. Non si puo’ perche’ e’ illegale”.
    Un deadlock che avvantaggia solo chi se ne frega delle norme e chi da questa situazione, tutto sommato, non perde cosi’ tanto e sarebbe molto peggio se ci fossero profonde revisioni che potrebbero mettere a repentaglio il loro business tradizionale.

  3. Che .mau. sia fedele lettore di User Friendly non mi stupisce per nulla 🙂
    E’ una bella strip quotidiana, moooolto geek che fa spesso battute su temi informatici/tecnologici del momento.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *