Breve storia della mia candidatura

(breve mica tanto, ma se scrivevo "lunga" non venivate qui. spero di non annoiarvi troppo).

Continua dopo il break… (clic)

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

41 thoughts on “Breve storia della mia candidatura”

  1. “I prossimi 7 anni sono quelli in cui per tutti si realizzerà il futuro che è già qui per alcuni di noi”… Applausi Quinta.

  2. Avrei sempre voluto chiedere di eventuali legami con i produttori del grande amarone 🙂
    Qualcosa sta cambiando davvero e il processo di cambiamento riguarda proprio la consapevolezza degli italiani rispetto all’importanza del settore delle comunicazioni e delle sue potenzialità intrinseche. Soprattutto è emersa la consapevolezza della necessità di avere persone qualificate, competenti ed indipendenti alla “guida” -per non abbandonare la metafora dell’ambulanza-
    Magari con perspicacia “visionaria” affinché le regole non diventino cortine.

  3. “Per arrivare in modo assolutamente sgombro da ogni possibile idea di conflitto di interessi, ho presentato subito le dimissioni dal Gruppo 24 Ore, dato mandato al commercialista che in caso di nomina procedesse a vendere le quote che assieme a mio fratello abbiamo in Mobile Solutions srl (skebby), raccolto la rinuncia alla prelazione degli altri soci e ottenuto da mio fratello le dimissioni dal CdA di Mobile Solutions. Naturalmente avrei fatto lo stesso qualora avessi avuto dal Presidente Monti una indicazione di selezione del mio nome.” Questo basta a indicarti come una grande, ulteriore occasione persa per questo paese. Con stima

  4. Ok Stefano ora sai di non guidare l’ambulanza. Speriamo che chi la guidera’ prossimamente almeno faccia arrivare il ferito in ospedale e che ne azzecchi la cura. Ma la vedo dura.
    Io ti seguo da molti anni e sarei stato veramente contento del fatto che tu potessi portare un po’ di ordine e regole in un luogo dove le discriminazioni e le ingiustizie sono all’ordine del giorno. Mi viene sempre da sorridere quando dici:”Multa al gestore X … come se avessero fatto a me una multa da 3 centesimi …”

  5. Concordo su tutto, ennesima occasione perduta.
    Spero non finisca qui, che il cambiamento, la maggiore consapevolezza della criticità dell’ICT, portino nuove possibilità a te e al Paese.

  6. Stima anche da parte mia. Umanamente mi incuriosisce anche la vicenda del fratello: “ottenuto da mio fratello le dimissioni dal CdA di Mobile Solutions”. Povero, e adesso? (meglio specificare che non c’è ironia, mi incuriosisce e intenerisce davvero)

  7. TypePad HTML Email
    in una società di queste dimensioni il consigliere di amministrazione non operativo prende un gettone che non copre le spese di trasferta. serve più che altro per avere Interlocuzione diretta e ricorrente con i soci operativi.tra l'altro lui é pochissimo in Italia, dato che abita all'estero.

  8. stima e complimenti anche da parte mia. io seguo, per lavoro, l’attività di AEEG, un altro leviatano del Prof. Rossi, nata con lo scopo di dare corso alla liberalizzazione del mercato dell’energia e del gas e invece, tra l’altro, creatrice di quelle bollette che l’utente ha enormi difficoltà a decifrare. La legge che ha costituito quella autorità escludeva interventi nel campo della metrologia legale di responsabilità di un ministero che l’ha lasciata naufragare, negli ultimi20 anni, in una tempesta di decreti, circolari e leggi che hanno reso il quadro sempre più confuso.
    Il risultato e che tutti parlano dei prezzi ma tutti, con poche eccezioni,si sono dimenticati della legalità del rilevamento delle quantità della res, oggetto delle transazioni, sia essa gas o energia,che dovrà, in qualche maniera, essere regolata.

  9. Complimenti per la tua “breve” storia….5 minuti di esaltante lettura. In una biografia ho letto … Lo sconfitto di oggi / sarà il vincitore di domani…
    questo è il caso ne sono sicuro!!

  10. Non mi pare una sconfitta: intanto stanno lentamente cambiando le regole del gioco, un cambiamento strutturale importantissimo. Da parte mia, tanto rispetto per la coerenza, la trasparenza e l’umiltà dimostrate in questa vicenda.

  11. Samuele Galassi

    Grande stima.
    Neanche a me pare una sconfitta.
    In bocca al lupo per tutto,
    e grazie per averci provato.

  12. “Per questo mi sono rivolto a loro [Monti e Passera] con una lettera formale, indicando la mia disponibilità ed allegando il mio CV, proprio sulla base della attuale situazione (non certo conforme alla prassi), come ho sottolineato nella lettera stessa”.
    Dal tono del post mi pare di intuire che anche la possibilità della presidenza, tua idea originale, sia tramontata?

  13. Gentilissimo, una storia esemplare, nel bello (poco) e nel brutto (molto).
    Mi auguro possa almeno diventare un “precedente”, a cui far riferimento nel futuro.
    In bocca al lupo, buon tutto
    Teresa

  14. Sandro Malconi

    ..stima, complimenti, ammirazione per la sintesi e la puntualità degli argomenti toccati.
    Sono fermamente convinto che stia cominciando una nuova era dove finalmente il cittadino ritorna ad essere al centro, con le sue competenze, i suoi limiti, le sue virtu.
    Sembra roba antica …ma non lo è
    Insomma, Bravo Stefano
    i miei personali complimenti e,.. chissa che la partita non si chiuda qui.
    In bocca al lupo

  15. Buongiorno Stefano,
    è dai tempi della “mia” rivista Internet News (ora archiviata, per ciò la cito) che non interagisco con te, precisamente da quando avemmo un simpatico battibecco digitale relativamente a quella che tu ritenevi essere stata una mia violazione della netiquette.
    Erano gli albori di Internet in Italia, e si stavano formando i concetti chiave delle “regole della rete”, ma ad ogni modo quel tuo intervento deciso mi fece capire di che pasta eri fatto. Buona I mean.
    Popolo della rete 0 – Oligarchi 1.
    Ma rimonteremo.

  16. Purtroppo chi è “bravo” nel suo lavoro può infastidire troppo chi non lo è…e così veniamo messi da parte..!!! E’ successo lo stesso anche a me con l’unico risultato che mi è venuta l’ulcera gastrica…per ora mi sono ritirata in campagna ! Ti capisco. Auguri

  17. Tutto il mio rispetto e supporto, come sempre. Avrei solo una curiosita’: perche’ a questo punto non prosegui l’avventura del Sole? E’ un modo interessante di portare innovazione e imparare cose nuove, no?

  18. tra il 18 maggio, data delle dimissioni, ed il 6 giugno l'azienda giustamente ha dovuto iniziare a prepararsi facendo una selezione di candidati. metti mai che me ne fossi andato da li' a poco… adesso non sarebbe serio nei confronti dei candidati e pertanto non sarebbe corretto da parte mia.

  19. Bravo lo stesso Stefano, ci hai provato e non hai avuto successo, ma questo non significa una sconfitta. Vederti all’AGCOM con un altro vero “tecnico” come il prof Decina sarebbe stato molto utile per tutto il settore TLC/Media.
    Purtroppo non contando nulla, anche se dopo 20 anni di lavoro nelle TLC in tanti ruoli diversi, ho potuto solo sostenerti nella petizione on line che ha raccolto quasi 15.000 firme e di questo sono orgoglioso potendo dire di conoscere bene la tua assoluta lontananza da ogni interesse particolare unita a una competenza unica frutto di tante tue esperienze innovative e a una freschezza e libertà di pensiero priva di ogni pregiudizio che mi sorprende ogni volta che leggo i tuoi post.
    Per questa volta mi firmo per esteso perchè lo meriti
    Luca Berardi

  20. Concordo con tutti gli altri, e da svizzero per scelta* ormai posso affermare con sicurezza che è stata una grande opportunità persa per l’Italia.
    *[“Ma così facendo diminuiremo ulteriormente l’attrattività per quei giovani che, superate le barriere linguistiche e familiari come fattore di lockin, accetteranno l’offerta di residenza di altri paesi tanto, con internet, ovunque tu sia, hai tutto, sempre].

  21. Grazie per aver ceduto alle nostre “insistenze”. Tu comunque ci mettevi la faccia ! (molti dicono di farlo, ma se ne guardano bene). Hai creato un bel precedente e, come già detto, i prossimi 7 anni … vedremo. Tienici informati sui tuoi progetti e programmi. In bocca al lupo Quinta !!!!!!!!!

  22. Per il tuo passato solo complimenti. Per il futuro guarda verso Est 🙂 Ho lasciato Milano e mi sono trasferito a Trieste. Austria e Slovenia qui vicine con le loro capitali. Regione a Statuto Speciale e soprattutto bellissima dalle Alpi Giulie alle sabbie di Grado 🙂 Interessi li ritrovi http://www.tedxtrieste.com/wp/ e http://www.thehubtrieste.com/wp/ e soprattutto a breve l’incontro http://sotn.it/ Insegno al MIB dal 2007 http://www.mib.edu e nelle attività svolte come consulente ho conosciuto imprenditori dinamici e capaci. Città universitaria, dove il Leone (Generali) a volte miagola e alle volte ruggisce, ricca di Cultura e Storia oggi ideale trampolino verso l’Est europeo. Che ne pensi?

  23. Simpatica la definizione di “Popolo dell’aria” in similitudine al “Popolo della rete”
    Ho l’impressione che, a dispetto dello snobismo e diffidenza nei confronti del popolo della rete, il prossimo appuntamento con le elezioni politiche vedrà una situazione simile al lontano 1994 quando l’uso sapiente del media TV fu fondamentale per sbaragliare la classe politica di allora e per avviare il cambiamento dell’Italia in stile “Gattopardiano”. Sarà così pure nel 2013 e nuovamente in stile gattopardiano all’italiana ?
    Speriamo di no, anche se la vicenda AGCOM non fa presagire nulla di buono.
    Cmq grazie Quintarelli, almeno ci proviamo !

  24. Con la speranza che si ricordino di te se servisse qualche persona compentente nella neonata Agenzia per l’Italia digitale, ma d’altro canto si spera che non sia solo l’ennesima occasione per creare poltrone.

  25. Grazie per averci provato, nel mio piccolo ho fatto il possibile per diffondere la tua candidatura.
    In bocca al lupo per le scelte future!

  26. dunque, se non ricordo male hai poco (!!) più di quarant’anni…seguendo il trend italiano hai come minimo altri quarant’anni per provare e riuscire INFINE.

  27. Cinzia Tomasello

    Buongiorno Stefano, ho letto con piacere questa pagina. NOn sono un addetta ai lavori ma di pancia speravo nella sua candidatura … in bocca al lupo per il futuro che immaigno già molto luminoso

  28. Ammetto che mi ero perso la conferma finale dell’uscita dal Sole 24 Ore. Ulteriore elemento di serietà e stima.
    Sarà sicuramente per raccogliere nuove sfide e non sono ovviamente preoccupato per il tuo futuro.
    A presto.

  29. Bell’articolo, dimostra tutta la tua serietà e, ahime, che abbiamo perso l’occasione di avere una persona giusta in un posto giusto.
    Ti invidio, ma non puoi immaginare quanto, perché hai abbandonato un lavoro che ti piaceva per un’impresa che, diciamocelo, si vedeva già subito che era impossibile.
    Mi farebbe tanto piacere far parte della tua truppa nella prossima avventura in cui ti imbarcherai.

  30. avevi scritto nel racconto della tua candidatura
    http://blog.quintarelli.it/blog/2012/06/breve-storia-della-mia-candidatura.html#more
    Nei due giorni immediatamente precedenti il voto, come riportato dalle cronache, si è aperto forte il dibattito sulla possibilità di caduta del governo e di un voto anticipato; forse questo ha contribuito alla riunificazione del terzo polo ed all’accordo con il PD;
    quanto ci hai azzeccato!
    http://www.pierferdinandocasini.it/2012/06/25/si-a-un-asse-progressisti-moderati/
    A questo punto, chiediamo a Pier Ferdinando Casini, c’è la possibilità di elezioni a ottobre?
    «Il rischio esiste. E arriva dal centrodestra, soprattutto».
    Bersani vuole proporre un «patto di legislatura».
    «Bersani è un interlocutore serio, non cambia idea tutti i giorni. Come in Greda e in Germania il tema di un patto di emergenza tra chi è nel Ppc e chi è nel Pse esiste. Tra progressisti e moderati si può creare un asse per governare l’Italia. Come capiscono anche tanti moderati del Pdl».
    solo che era stato Fassina del PD a porre per primo l’idea della caduta del governo e voto a ottobre! adesso arriva la conferma di Casini

  31. Speriamo che questi meccanismi si diffondano e che si cominci a cercare uno standard di comunicazione invece di dover lavorare di integrazione con api proprietarie e di polling più o meno frequenti: non sono sicuro che il modello del polling possa reggere l’eventuale scaling (sempre che un servizio del genere possa diventare di largo utilizzo).
    Per il resto la principale cosa che noto è che la maggior parte dei servizi integrati supportano solamente l’inglese e che gli italiani usano veramente poco servizi di questo tipo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.