Palesemente travisata (aka support #NetNeutrality)

2013-09-10_2142_NK

 

un uccellino mi ha depositato in casella quanto sotto. (sottolineature e grassetti miei)

 

Article 23 – Freedom to provide and avail of open internet access, and reasonable traffic management

1. End-users shall be free to access and distribute information and content, run applications and use services of their choice via their internet access service. End-users shall be free to enter into agreements on data volumes and speeds with providers of internet access services and, in accordance with any such agreements relative to data volumes, to avail of any offers by providers of internet content, applications and services.

2. End-users shall also be free to agree with either providers of electronic communications to the public or with providers of information society services on the provision of specialised services with an enhanced quality of service. In order to enable the provision of specialised services to end-users providers of content, applications and services and providers of electronic communications to the public shall be free to enter into agreements with each other to transmit the related data volumes or traffic as specialised services with a defined quality of service or dedicated capacity so long as the provision of such specialised services does not substantially impair the quality of internet access services.

3. This Article is without prejudice to Union or national legislation related to the lawfulness of the information, content, application or services transmitted.

4. The exercise of the freedoms provided for in paragraphs 1 and 2 shall be facilitated by the provision of complete information in accordance with Article 25(1), Article 26 (2), and Article 27 (1) and (2).

5. Within the limits of any contractually agreed data volumes or speeds for internet access services, providers of internet access services shall not restrict the freedoms provided for in paragraph 1 by blocking, slowing down, degrading or discriminating against specific content, applications or services, or specific classes thereof, except in cases where it necessary to apply reasonable traffic management measures.

Reasonable traffic management measures shall be transparent, non-discriminatory, proportionate and necessary to:

a) implement a legislative provision or a court order, or prevent or impede serious crimes;

b) preserve the integrity and security of the network, services provided via this network, and the end-users' terminals;

c) prevent the transmission of unsolicited communications to end-users who have given their prior consent to such restrictive measures;

d) minimise the effects of temporary or exceptional network congestion provided that equivalent types of traffic are treated equally.

Reasonable traffic management shall only entail processing of data that is necessary and proportionate to achieve the purposes set out in this paragraph.

 

e anche

 

Article 19 – Assured service quality (ASQ) connectivity product

1. Any operator shall have the right to provide a European ASQ connectivity product as specified in paragraph 4.

2. Any operator shall meet any reasonable request to provide a European ASQ connectivity product as specified in paragraph 4 submitted in writing by an authorised provider of electronic communications services. Any refusal to provide a European ASQ product shall be based on objective criteria. The operator shall state the reasons for any refusal within one month from the written request.
It shall be deemed to be an objective ground of refusal that the party requesting the supply of a European ASQ connectivity product is unable or unwilling to make available, whether within the Union or in third countries, a European ASQ connectivity product to the requested party on reasonable terms, if the latter so requests.

3. Where the request is refused or agreement on specific terms and conditions, including price, has not been reached within two months from the written request, either party is entitled to refer the issue to the relevant national regulatory authority pursuant to Article 20 of Directive 2002/21/EC. In such a case, Article 3(6) of this Regulation may apply.

4. The provision of a connectivity product shall be considered as the provision of a European ASQ connectivity product if it is supplied in accordance with the minimum parameters listed in Annex II and cumulatively meets the following substantive requirements:
(a) ability to be offered as a high quality product anywhere in the Union;
(b) enabling service providers to meet the needs of their end-users;
(c) cost-effectiveness, taking into account existing solutions that may be provided on the same networks;
(d) operational effectiveness, in particular in respect of limiting to the extent possible implementation obstacles and deployment costs for customers; and
(e) ensuring that the rules on protection of privacy, personal data, security and integrity of networks and transparency in accordance with Union law are respected.

5. The Commission shall be empowered to adopt delegated acts in accordance with Article 32 in order to adapt Annex II in light of market and technological developments, so as to continue to meet the substantive requirements listed in paragraph 4.

 

lascio giudicare a voi.

qualche grassetto e sottolineatura è "palesemente travisare" ciò che fu detto oppure è ciò che è scritto a palesemente travisare ciò che fu detto ?

 

p.s. la sfiga di internet è chiamarsi "best effort" vs. "Quality of Service" (anche se secondo l'articolo 23.5.a dovrebbe chiamarsi "Quality of Surveillance")

dovrebbe chiamarsi "totale flessibilità applicativa" vs. "precedenze limitate prestabilite"

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

18 thoughts on “Palesemente travisata (aka support #NetNeutrality)”

  1. Aspetto di vedere il doc definitivo per trarre conclusioni. Ma se dovessi basarmi sulla versione che circola oggi, non mi pare che queste proposte segnino la fine di Internet e della net neutrality. Si promuove la possibilità (attenzione: possibilità) per operatori e fornitori di contenuti di accordarsi sulla base di path a maggiore qualità e priorità, a patto che gli operatori preservino la qualità della connessione best effort odierna. La definizione dei parametri di fairness della qualità del best effort sarà in carico alle NRA nazionali. Il concetto di ASQ path si basa su un OSS in grado di instradare path a qualità predefinita attraverso le reti di più operatori. Questo strumento è utile perchè finalmente permetterà agli operatori di negoziare alla pari con gli OTT, in modo unito e non frammentato, evitando la furbata della triangolazione per il free riding. Personalmente non capisco perchè si voglia impedire agli operatori di sviluppare il proprio business cercando di segmentare l’utenza sulla base della qualità del servizio, fermo restando che il servizio base deve essere garantito.

  2. Forse leggiamo un testo diverso.
    Mi riferisco alle parti che ho evidenziato.uindi incumbent) DEVE fornire ASQ se gli viene richiesto.
    Preservare il best effort non è previsto. Anzi è previsto che gli si possano fare danni, basta che non siano eccessivi
    Cosa è la “furbata della triangolazione” e chi fa “free riding” ?
    Questo modo di “segmentare la clientela” è anticompetitivo.
    Se proprio gli operatori vogliono segmentare la “utenza base sulla base della qualità del servizio” perché non lo fanno ?
    Perché non vendono all’utenza base priorità diverse per cui l’utente A paga di più ma in caso di congestione i suoi pacchetti possano davanti ad utenti di alta classe, diciamo, il 20% in più ?
    Se la motivazione è vendere qualità dell’esperienza, perché non lo fanno ?. Perché invece perseguono il Graal di fare accordi con content provider ?
    Andiamo avanti su questa discussione, mi piace.

  3. Stefano, vediamo con ordine…
    innanzitutto grazie della risposta, anche a me piace il confronto aperto.
    Preservare il best effort. Nel draft leggo al capoverso 52 di pag 21: “national regulatory authorities should have monitoring and reporting obligations, and ensure compliance of providers of electronic communications to the public and the availability of non-discriminatory internet access services of high quality which are not substantially impaired by specialised services. National regulatory authorities should be empowered to impose minimum quality of service requirements on all or individual providers of electronic communications to the public if this is necessary to prevent general degradation of the quality of service of internet access services.” Da cui inferisco che la NRA potrà imporre dei requisiti minimi di QoS, riferiti ad un accesso base.
    L’operatore deve fornire ASq path se richiesto: la richiesta deve provenire da un altro operatore, cioè si favorisce il dialogo tra operatori per creare dei cammini virtuali (soprattutto) transnazionali, al fine di offrire ai CP (OTT) l’alternativa di path a più elevata QoS, per raggiungere una larghissima base utente. -continua…-

  4. -continua…-
    Il free riding è una pratica perfettamente legale ovviamente, e consiste da parte del CP che riceve una richiesta economica dall’operatore X per raggiungere i suoi utenti, di interconnettersi invece a Y che ha con X un peering agreement privato, in modo da non pagare nulla. Ecco, con questa proposta X e Y sono incoraggiati a mettersi d’accordo per offrire al CP una serie di ASQ path a diversa QoS tra cui scegliere, oltre al best effort. Perchè una serie di ASQ path? Questa è una mia interpretazione di quanto leggo, devo ancora verificare…ma se l’operatore X è tenuto a dare un ASQ path all’operatore Y che glielo chiede, mi sembra evidente che i parametri di QoS di questo path debbano essere quelli chiesti da Y (laddove fattibile). Ma anche Z può chiedere a X un ASQ path, con altri valori di QoS…e quindi il CP si ritrova due offerte per raggiungere la stessa base clienti, con diversa qualità e a diverso prezzo. Credo che lo scopo del tutto sia quello di favorire la coesione tra operatori nel momento in cui devono negoziare con i CP, e credo sia una risposta al problema tutto europeo della frammentazione. Leggi anche la parte sui servizi wholesale di accesso virtuale con parametri base unificati in tutta Europa, è un tema interessante.
    Quindi, se gli operatori hanno l’obbligo di riservare una parte delle risorse per dare una connessione base a QoS garantita e vigilata, e se con le restanti risorse di rete possono segmentare la propria offerta inventandosi servizi a maggiore QoS, perchè ciò sarebbe anticompetitivo? Nei confronti di chi? Un operatore alternativo avrebbe comunque la possibilità di presentarsi di fronte a un CP con un larghissimo portafoglio di utenti (usando il bitstream e grazie a un mercato bilanciato dagli obblighi regolatori dell’incumbent) e con una offerta di path diversificati per QoS e prezzo. Immagino che lo scopo sia soprattutto rivolto al futuro, quindi magari l’ASQ path potrebbe servire davvero solo per video 4k o videocomunicazione real-time.
    Riguardo le tue ultime domande, credo che le telco vadano a cercare business da chi (sperano) sia più sensibile degli utenti al valore della banda e della qualità del servizio. Non è detto che il loro tentativo avrà successo. Mi piacerebbe però vederlo all’opera, è un test di mercato, un tentativo di creare una nuova catena del valore.
    Aggiungo il link al draft che ho usato, giusto per essere sicuro: http://www.corrierecomunicazioni.it/upload/images/09_2013/130903170138.pdf

  5. scusa la latenza. ho scritto un altro post dove tocco l’argomento del degradamento sporadico. inoltre chiarisco alcuni effetti anticompetitivi generati intrinsecamente dalla dimensione, in assenza di previsioni di interoperabilita’ tra operatori. parlo inoltre di necessità di regole di must carry e must offer che non cambiano, a meno di non stabilire requisiti minimi ad un livello tale che di fatto vanificano servizi differenziali.
    sul fronte dei path internazionali osservo qui, cosa che non ho fatto nell’altro post, che tale facolta’ e’ garantita quando il richiedente, a sua volta, nel paese di origine ha una offerta wholesale ASQ. ovvero quando il richiedente e’ un exmonopolista di stato in quanto solo gli exmonopolisti di stato possiedono la rete di accesso (salvo qualche eccezione in europa) e possono quindi fare una offerta wholesale. agli operatori che nel proprio paese non possiedono una rete di accesso e conseguentemente non hanno una offerta wholesale ASQ, non e’ garantito che possano godere degli stessi privilegi e chiedere accessi ASQ in altri paesi.
    se il commissario Kroes crede veramente che offrire ASQ internazionali e’ cosa che si sviluppera’ molto, mi pare molto grave. perche’ e’ uno sviluppo che, in virtu’ di quanto scritto sopra, andra’ a vantaggio dei soli operatori exmonopolisti di stato.
    aggiungo che negli anni 2000 tutti gli operatori exmonopolisti hanno iniziato a fare gli operatori di rete fissa in giro per l’ueropa: BT ovunque con una rete di trasporto paneuropea, in italia avevamo BT, FT, DT, KPN e di certo dimentico qualcuno, TI e’ andata in germania e francia. poi si sono ritirati. perche’ ? perche’ gli operatori di rete fissa domestici sono protetti (non a caso dopo 20 anni 20 dalla ONP hanno ancora gorssomodo meta’ mercato), perche’ risultati “piccoli” non sono interssanti per le grandi telco che preferiscono fare shopping di operatori già consolidati, perche’ la vita degli altnet e’ piu’ difficile di quella degli incumbent..
    non a caso esistono ancora, ma limitati al mercato business e servono tipicamente i clienti domestici multinazionali che fanno contratti one-stop-shop nell’home country.
    per il mercato residenziale, invece, in definitiva, chissenefrega ? davvero e’ un vantaggio per il consumatore avere lo stesso operatore di rete fissa in giro per l’europa, come dice la Kroes ? poter fare il contratto per la casa a milano e l’appartamento a Londra e Parigi ? ma quanti sono che hanno la casa a milano e l’appartamento all’estero ? e poi, che vantaggio c’e’ per il cliente ad avere lo stesso operatore di rete fissa ?
    ovviamente c’e’ per il mobile, per cui l’utente si sposta, ma le case tendono a non farlo…
    l’obiettivo invece a mio avviso e’ invece, fidando che ASQ funzioni (e sono convinto di no, essendo cresciuto a pane e quel mercato) creare dei colossi telco paneuropei, per renderli piu’ grossi in borsa e meno scalabili. (cosa che si puo’ ottenere solo con acquisizioni/fusioni)
    ma perche’ ? che vantaggio c’e’ ad avere operatori di servizi di accesso alla rete fissa grossi ? proetggere l’infrastruttura nazionale per garantirne lo sviluppo avendo pochi interlocutori domestici e quindi amici ? si vede quanto ha funzionato negli ultimi 20 anni. basta guardare le reti in fibra che ci sono, il debito, dividendi, invetimenti farlocchi ed intangibles..
    io penso da sempre che invece la soluzione sia per la rete fissa avere un interlocutore nazionale con investimeti guidati dallo stato. quanto male ci fece l’abbaglio della competizione infrastrutturale e della ladder of investments di Martin Cave. avessimo avuto una rete sola con concessione (tipo autostrade, ma wholesale) per cui io Stato autorizzare te tariffe wholesale ma tu operatore infrastrutturale concordare con me Stato sviluppo cammello.

  6. quando dici free riding ti riferisci al fatto che, a differenza del mercato video, gli oepratori di rete fissa non pagano ai fornitori dei servizi la mezza per i loro servizi che sono la ragione per cui gli utenti comprano il loro acccesso ?
    in questo caso non c’e’ free riding perche’ entrambe le parti hanno un beneficio. Non e’ free riding la discoteca che fa entrare le ragazze gratis, perche’ le ragazze attirano maschi paganti. qui il vantaggio e’ reciproco.
    la cosa che le persone comprano e’ l’accesso ma la ragione sono i servizi che milioni di persone fanno, in giro per il mondo, perlopiu’ fallendo e rimettendoci valanghe di soldi, una esternalizzazione del rischio che avvatnaggi gli operatori di accesso che non devono sostenere quei costi.
    l’ecosistema che si e’ creato avvantaggia tutti. secondo i miei conti, senza internet (ovvero senza i servizi che, come detto, rischiando e rimettendoci valanghe di soldi milioni di persone creano), una telco come TI perderebbeil 30% dei ricavi.
    in merito agli effetti intrinsecamente competitivi in assenza di must carry, must offer, peering con QoS regolato e sorvegliato, rimando all’altro post.
    sul video 4K… e’ un discorso complesso. cmq. cerco di semplioficare col machete.
    credi sia possibile fare una pay TV nazionale profittevole senza calcio/formula1/cricket live ? no.
    esiste uno spazio di mercato per fare un operatore via cavo profittevole con video on demand senza sport live ? no.
    quale quota dei video non sport del catalogo di un operatore payTV risale a meno di 6 mesi fa ? <<2-3%
    esistono mezzi alternativi per costruire videoteche profilate sui gusti dell'utente usando reti di distribuzione alternative a minor costo (al limite usando informazioni da canale di ritorno narrowband) ? si, broadcast+cache nel STB DTT/SAT o edicola o broadband non realtime+cache
    e non portiamo l'esempio di netflix che e' in un contesto assai diverso per profilo demografico, assenza del broadcaster pubblico, dimensione del target indirizzabile, qualita' della logistica fisica e dimensione della rete, dimensione del mercato dei diritti sui contenuti, ecc. ecc. (la Kroes provasse a fare una norma che dice che i diritti sui contenuti devono essere fatti con granularita' "l'area economica europea" e vediamo quanto tira avanti…)
    il veido interattivo ? costa troppo ed uno quando sta sul divano vuole essere passivo e quando guardi in piu' persone (la moglie) se uno interagisce l'altro ti manda a quel paese.
    cancelliamo il video interattivo dai consumi di massa.
    e allora de che stamo a parla' ?
    della videoconferenza 4K realtime sincrona bidirezionale ? (e, BTW, l'applicagtion sharing + voce e' assai piu' utile nelle aziende, richiede meno banda ed un cambiamento di management che richiedera' altri 10 anni…)
    il mio punto e' che manca l'evidenza della necessita' e si vuole mettere a repentaglio un sistema che aiuta a limitare e prevenire effetti anticompetitivi sull'idea di una linea di sviluppo ipotetica per la quale non esiste alcuna evidenza di possibilita' di successo ed anzi, quelle che esistono (con limitate eccezioni) non sono positive.

  7. Stefano, le tue risposte meriterebbero una disamina punto-punto, ma ci invilupperemmo in una discussione uno ad uno in definitiva su un argomento ahimè già sorpassato. Infatti dopo la stroncatura del Berec non credo che la proposta diventerà operativa: verrà resa inservibile…un altro punto a favore della capacità di lobbying degli americani e a detrimento del nanismo europeo. Quindi solo alcune considerazioni telegrafiche (almeno ci provo :-)).
    Il punto su cui continuo ad essere strutturalmente in disaccordo con te è che internet funzioni egregiamente. Io non sono d’accordo: funziona egregiamente solo per i giganti americani di internet…agli altri briciole. E tanta net neutrality best effort. Le internet company e le telco americane beneficiano di un mercato unico interno enorme, che è un incubatore formidabile, cosa che noi europei non siamo in grado di creare (se le regole sono strutturalmente diverse, hai voglia ad aprire filiali in altri paesi, non è la stessa cosa!), beneficiano ormai di situazioni di monopolio mondiale non regolate ed accettate, vedi la raccolta pubblicitaria, e la competizione è tutto fuor che un level playing field. Infatti tu ti scagli contro la proposta di concedere agli operatori di unirsi per offrire servizi con QoS elevata, ma ti faccio notare che la stessa cosa ESISTE GIA’ OGGI con il best effort, solo in maniera non regolata. Chi ha una grande scala, per esempio Google, può disporre di una serie di data center di backup per erogare i contenuti in caso di rete congestionata, oppure può comprare i servizi di una CDN, per esempio Limelight, e così di fatto erogare un servizio ad elevata QoS, basato però sul principio del flooding delle reti invece che su quello delle priorità nelle code. Dal punto di vista tecnico il flooding fa molti più danni agli altri del controllo del traffico, perchè satura la capacità di banda. Tutte queste pratiche anticompetitive “tengono a bada” la concorrenza sul formidabile mercato USA, ma sono devastanti per i mercati frammentati come il nostro. E in questo scenario tragico di squilibrio clamoroso e soffocamento dell’innovazione competitiva (almeno europea) si vuole impedire agli operatori di trovare un terreno comune, offrendo agli OTT, al posto del flooding, un servizio di priorità basato su QoS vera e non dannifera? Ma appunto, di che stiamo a parlare? Per me è ancora poco, credo che dovremmo arrivare a fare pagare un prezzo fair per ogni bit da trasportare in Europa con QoS, così chi deve trasportare di più, paga di più (sempre con QoS). E ci paga pure le tasse, visto che si tratta di beni e servizi erogati in Europa. Se facessimo così, mi dirai, Google si spegnerebbe in Europa per ritorsione. Bè, a parte che non penso che sarebbero così sciocchi da alienarsi un mercato di 400 milioni di utenti, ma anche se fosse? Non sarebbe invece l’occasione per dimostrare che la creatività e l’inventiva ce l’abbiamo anche in Europa, facendo nascere i nostri motori di ricerca?
    – continua, non ce l’ho fatta… –

  8. In definitiva io penso che la net neutrality sia una storia molto semplice ed accattivante, che però copre gli interessi del mercato USA e delle più importanti multinazionali americane, a tutto danno nostro. Multinazionali che non a caso stanno spendendo parecchio per fare lobbying in EU.
    Invece sulla One Network sono sostanzialmente d’accordo: una Europa fatta di unione di reti statali avrebbe più capacità competitiva sui servizi. Infatti, per sostenere l’efficacia del mercato interno, è fondamentale avere una rete iperveloce. La ladder of investment ha creato tanti piccoli soggetti, costretti a un business di sopravvivenza a fianco degli incumbent….si sono indeboliti tutti. E’ stato parzialmente così in USA, ma poi c’è stata una fase di M&A favorita da una regolamentazione apposita. Ecco a noi in Europa è mancata la M&A. Ecco un altro aspetto buono di questa proposta: abbattere le barriere tra stati…creare partnership (anche sulla base di flussi ad elevata QoS) che poi diventerebbero mergers. Ma ormai è passata anche questa occasione. Restiamo nani ad osservare quanto sono geniali gli americani. Geniali, questo si, nell’imporre il loro mercato.

  9. “detrimento del nanismo europeo” a cosa e chi ti riferisci ? fatturato o market cap ? e chi ci metti dentro ? Apple COmputer che fa hardware ? o internet player e telco player ? google e vodafone ?
    se mi segui, sai che sono critico delle multinazionali USA (di google dico che chi fa ricerca non dovrebbe fare servizi, di youtube che hanno responsabilita’ editoriale, di apple che abusano della loro posizione di controllo sulla piattaforma e bisognerebbe incider con l’antitrust, ecc.) ma due torti non fanno una ragione.
    e’ vero che il mercato USA e’ enorme ed e’ un incubatore eccezionale, ma lo e’ ancora di piu’ la finanza USA e la loro cultura del fallimento
    non e’ vero che internet best effort beneficia solo poche multinazionali usa. senza internet TI farebbe il 30% in meno dei ricavi. togli il 30% a tutte le telco mondiali ed e’ molto di piu’ di quanto ricavano tutti gli internet player mondiali. internet beneficia di piu’ le telco che non gli internet player. esattamente come le ragazze in discoteca.
    le posizioni di monopolio, che io contrasto, non sono illegali se non abusate. ma, vedi sopra, io sostengo che bisogna intervenire sulla base di principi.
    le cache non sono QoS. e la cosa e’ alla portata di chiunque, dati i costi. se X mette delle cache vicino ai NAP e Y le usa, non intervengono sul mio accesso.
    io non mi scaglio contro l’idea di condeerre agli operatori ecc. ecc., mi scaglio contro gli effetti anticompetitivi che determina. si faccia must offer, must carry, peering con QoS monitorato e garantito, ecc. ecc. ovvero tutte le cose necesarie per scongiurare i rischi anticompetitivi che descrivo qui http://is.gd/USETcB e poi si faccia. ma siamo sicuri che il gioco valga la candela ?
    siamo sicuri che interessi ai clienti ? se siamo sicuri, perche’ non vendere loro prioritizzazione ? perche’ insistere sui content ? perche’ non la comprano…
    ho spiegato qui http://is.gd/USETcB perche’ la QoS non è neutrale rispetto alla concorrenza.
    le tasse ? e’ una questione tecnologica ? o che riguarda i mercati tecnologici ? sulle tasse sul reddito di impresa, ENI, azienda di stato (come tutte), ha sedi a madeira mica per farci esplorazioni; io sono d’accordo che dovrebbero essere cambiate le regole, ma sono comunitarie e non riguardano solo l’ICT. e non avrei rinnovato l’IVA (che e’ una tassa) del country of origin. la UE ha stabilito che vale il country of origin http://is.gd/Ufvds9 , rinnovando la regola, che pero’ scadra’ nel 2015. e BTW, sei sicuro sicuro sicuro che le telco ed i suoi azionisti paghino le tasse come dovrebbero ? (se vuoi ti trovo qualche caso eclatante…) tutti usano le leggi che ci sono, non sono gli internet player.

  10. le telco spendono altrettanto in lobby … non esistono le vergini.
    ribadisco le considerazioni sopra: le telco guadagnano di piu’ dall’ecosistema internet di quanto perdano e inoltre dispongono di un ecosistema di innovazione che perde danaro a bocca di barile e non devono farsi carico di un euro di questa ricerca applicativa.
    sulla m&a sono d’accordo che andrebbe favorita. quando ci fu la fase espansiva delle telco, TI investi’ 870M in brasile con Globo (per non parlare della turchia); gli investimenti in brasile furono writeoffati uno o due anni dopo (non ricordo), ed erano tutti intangibles.
    non e’ sulla base di un prodotto di rete fissa per clienti multisede internazionale che si aumenta la concorrenza e/o si fanno gli operatori paneuropei, se e’ vero come e’ vero che grandissimi investimenti non ci sono rusciti, come quando venne sospesa la passivity rule per l’errore nel filing dell’OPA di Tecnost su Telecom, in quei 7 giorni si tento’ il merger tra TI e DT (aka cessione di controllo allo stato tedesco) ma non l’abbiamo fatto. (btw una ipotesi “si dice” era comprare Yahoo (all’epoca numero 1) per cassa). in italia DT, FT ed Enel fecero wind, KPN sbarco’ in italia, BT fece Albacom e comprò I.NET, ecc. ma con la competizione infrastrutturale ogni stato difese il proprio operatore e tutti (o quasi) tornarono nei confini patrii. questo “nanismo” (che nanismo non e’, ne’ per revenues ne’ per cash flow, ne’ per market cap) e’ figlio della mancanza di integrazione che e’ dato dalla difesa degli operatori nazionali (emblematica l’opa di FT su Telia e la reazione dell’esercito svedese)

  11. Non entro nel merito ma faccio una riflessione che potrebbe stare a monte.
    Prendiamo un falegname.
    Concordato fiscale, guadagna x; ma solo se è solo e se lavora con strumenti non innovativi, ad esempio le mani, la sega (anche motorizzata a dire il vero) e la sgurbia.
    Mettiamo che invece che fare restauro ricostruendo parte di un intarsio a mano, voglia prendere una macchina da taglio da 70 cm * 70 cm a controllo numerico.
    Il commercialista gli riferisce di desistere perché dovendosela far fatturare, risulterebbe che “fa innovazione” e quindi il guadagno x passerebbe a (x + 0.75 x).
    È un caso reale, ma non diretto perché non faccio il falegname.
    Ora, se fino ad oggi “fare innovazione” implica una immediata penalizzazione (la curva di apprendimento, i costi di impianto, la verifica di utilità, efficacia ed efficienza sono saltati a pie’ pari e dall’anno successivo si presume – e sappiamo che l’onere della prova è invertito – che l’incremento reddituale sia del 75%, mica un prospero), dopo questo decreto, tutto il corpaccione dell’amministrazione stapperà ad ogni innovatore o lo metterà tra coloro che si sono “autodenunciati”?
    Oppure stiamo solo facendo il giro da dietro e ci bussiamo alle spalle sperando che i gonzi finiscano per guadagnare il 75% in più solo per il fatto di esistere?
    Sono due estremi, bianco e nero; ma siamo sicuri che il tutto produrrà invece sfumature intermedie?

  12. Grazie.
    Il punto 3 chiarisce un po’ le cose però mi fa sorgere una domanda:
    Se ho capito bene, se sono “start up innovativa” come requisito ho che devo essere licenziatario o possessore di almeno un IP. Questo implica a monte che devo anche essere strutturato per la gestione delle IP. Non mi pare una cosa banale se per start up si intendono anche nano e micro imprese.
    In più non mi pare che ad oggi il sistema di gestione delle IP nostrano abbia brillato particolarmente per efficienza.
    Ad esempio, tu tempo fa, scrivesti che avevi finalmente ottenuto il riconoscimento di una IP in ambito compressione/elaborazione segnali di immagini (vado a memoria), come difendi questa tua IP ? Perchè poi credo che alla fine si combatta con le fionde contro delle corazzate.
    Stiamo in Europa certo ma il mercato è pur sempre globale (a maggior ragione se si parla di prodotti innovativi).

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *