Sanzioni esemplari: si profila una sanzione di USD 5 miliardi a Facebook

Come se una persona che guadagnasse 30mila euro all’anno ricevesse una multa di 2540 euro

Direi che si sente.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

3 thoughts on “Sanzioni esemplari: si profila una sanzione di USD 5 miliardi a Facebook”

  1. Stefano Quintarelli

    al codardo ed ingiurioso anonimo commentatore ricordo la regola della casa: niente commenti anonimi e niente offese.
    se uno non ha il coraggio delle proprie idee e la capacita’ di esprimerle in modo civile, non trova spazio a casa mia.
    nel merito,
    1) rimando a risposte a commenti analoghi in post precedenti per asseverare la correttezza
    2) respingo le offese al mittente, se si impegnasse di piu’ approfondendo un pochino, vedrebbe che sono proprio ingiustificate

    1. Codardo sarai te. Ingiurioso sarai te. L’anonimato è legale, Imbecille. Che cazzo vuoi da me, patente e libretto? Che cazzo sei, un pubblico ufficiale?

      Il coraggio delle mie idee ce l’ho, e pure la capacità di esprimerle in modo ‘civile’. L’incivile sei te, che offendi e censuri. Fai lo stronzo e dai dello stronzo agli altri.

      Rapportare le multe al fatturato è una scemenza. Lo era anni fa, quando hai iniziato a dire che bisognrebbe segare i fatturati delle aziende per dare una lezione vera ai ‘colpevoli’, e continua a essere una scemenza adesso.

      Io sono laureato in Economia, te invece cosa? Un cazzo. Ignorante che spari stupidaggini in materie di cui non sai niente e azzittisci chi dissente su internet, prendendo la scusa che te sei ‘civile’ e invece gli altri sono codardi perché commentano senza prima inviarti la fotocopia del codice fiscale. Imbecille.

    2. Stefano Quintarelli

      dimenticavo le altre due regole della casa: non si fa tifoseria partitica e non si ammette il turpiloquio.

      lo dico al commentatore anonimo che si professa laureato in economia, attribuendomi una carenza di studi in 4 frasi che contengono 7 parolacce e varie altre offese, trova interesse e tempo per tornare a vedere i commenti di questo post, ma non ha il coraggio di sostenere i suoi argomenti mettendoci il suo email.

      caro anonimo: questo è il mio domicilio elettronico, non sei obbligato a venirci, ma se lo fai, devi seguire le regole della casa.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *