Renewables are set to soar | MIT Technology Review

Non sono abbastanza esperto, ma a naso mi parrebbe che ci sia una sorta di “tragedy of the energy transition” per prendere in prestito la “tragedy of the commons” di Hardin.

Il ragionamento è questo: L’energia più economica è quella da rinnovabili, principalmente fotovoltaica. Si userà sempre di più e i prezzi scenderanno ancora.
Ma – fintanto che non abbiamo un modo per accumulare e restituire energia  in quantità massive – l’intermittenza richiede che ci siano fonti fossili per compensare la domanda durante l’intermittenza delle rinnovabili.

Il prezzo dell’energia che tutti noi paghiamo deve consentire la remunerazione sia delle rinnovabili (che hanno costi bassi) che delle fossili che coprono i momenti di intermittenza delle rinnovabili.

Ma il costo delle rinnovabili sta diminuendo con l’aumentare della capacità installata e la forchetta tra prezzo e costo, per le rinnovabili, aumenta. I margini in aumento favoriscono l’investimento in rinnovabili che diminuiscono di costo,  allargando la forchetta, ecc..

Così si finisce per vendere  meno energia da fossili i cui capex e opex però devono essere ripagati: le fossili, essenziali per coprire l’intermittenza, diventano una polizza molto costosa rispetto al costo base delle rinnovabili.

Chi deve pagare questa polizza ? Tutti, in proporzione all’uso, ovvero per consentire di coprire i buchi di intermittenza di una crescente adozione di rinnovabili, mi pare dovremo mettere delle tasse sulle rinnovabili per pagare questa “polizza” per mantenere competive le fossili q.b.

Discorso campato in aria ?

Se è così, conviene vendere l’energia da fossili solo quando ci sono i buchi delle rinnovabili, perchè il prezzo in quel momento sarà alto. Vendere energia fossile quando il prezzo è basso perchè ci sono le rinnovabili che stanno generando, sarebbe una grave perdita. Meglio non venderla e usarla per altro… ad esempio minare bitcoin.

Forse alla fine la Proof of Work delle blockchain può essere una sorta di vaso di espansione che usa l’energia fossile quando ci sono le rinnovabili.

Ma questa utilità ritarda il momento in cui possono essere spente…

La bottom line ? IMHO bisogna pedalare su fonti carbon neutral che possono coprire i buchi di intermittenza delle rinnovabili (nucleare tecnologicamente moderno) e sulla ricerca di sistemi altamente scalbili di accumulo di energia (centralizzati e/o distribuiti).

Source : MIT Technology review

Construction of solar farms, wind turbines, and other sources of renewable power will soar over the next five years as nations set stricter climate policies and more ambitious emissions targets.

New renewable electricity capacity will set another record this year, at 290 gigawatts, according to a new report from the International Energy Agency. That’s roughly equivalent to building nearly 300 nuclear reactors or almost 150 Hoover Dams, and it’s happening despite global supply chain issues, rising material costs, and covid restrictions.

By 2026, global capacity from these carbon-free sources will rise more than 60% over last year’s levels, the intergovernmental research organization now projects. That will add up to some 4,800 gigawatts, on par with all the world’s fossil-fuel and nuclear plants today.In addition, renewables will account for 95% of the overall capacity growth in the power sector over that period.B

uilding new wind and solar plants doesn’t necessarily mean renewables are displacing fossil fuel—because demand for energy is rising as well. And it still remains to be seen how quickly carbon-free sources will become the dominant source of electricity globally and begin rapidly supplanting coal, natural gas, and other polluting sources.

…The IEA’s renewables estimates for 2026 are a substantial upward revision, more than 40% higher than its projections last year. Among other things, the agency cited the improving economics, increased national emissions reduction commitments ahead of the recent UN climate conference, and domestic developments and policies.

…Despite the boon in renewable capacity, however, the world is still far behind on the goal of building out a net-zero energy sector, which will ultimately be necessary to halt global warming. For nations to get on track for that scenario by 2050, average annual additions of renewables will need to double over the level the IEA expects to see over the next five years.

Source: Renewables are set to soar | MIT Technology Review

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

1 thought on “Renewables are set to soar | MIT Technology Review”

  1. Forse guarderei più al modello LCOE, in cui si guardano tutti i costi diretti (e si tralasciano quelli ambientali e le esternalità)
    Bisogna abbassare il costo di storage e off shore.
    Aggiungerei la strategia dipromuovere la produzione in loco come le comunità energetiche (direttiva RED II) ruota ad agosto di quest’anno, perché la rete attuale non è disegnata per le rinnovabili che sono sbilanciate, FV tutto al Sud.
    Qui il parere di ARERA sulle comunità energetiche.
    ·
    https://www.arera.it/allegati/docs/21/406-21.pdf
    Per gli LCOE questo documento
    https://www.eia.gov/outlooks/aeo/pdf/electricity_generation.pdf

Leave a Comment

Your email address will not be published.