Una alternativa a Twitter: come Mastodon è disegnato per essere antivirale

(Traduzione autorizzata dell’articolo di Clive Thompson )

Il nuovo social è sottilmente progettato per ridurre gli enormi picchi di attenzione virale che vediamo su Twitter.

Photo by Brett Jordan on Unsplash

Nel 2017 ho scritto una breve rubrica per Wired sul design “antivirale”.

Di recente avevo utilizzato alcuni servizi web divertenti e sperimentali, come txt.fyi di Rob Beschizza. Tutti questi siti consentivano di postare cose online, proprio come Facebook o Twitter. Ma non avevano meccanismi sociali per promuovere i post: Nessun pulsante “mi piace”, nessun pulsante di condivisione, nessun feed che mostrasse quali erano i post più popolari. Txt.fyi aveva persino un tag “no-robots” su ogni post, che diceva ai motori di ricerca di non indicizzarli. L’unico modo in cui qualcuno poteva vedere ciò che avevate postato su txt.fyi era se in qualche modo aveste condiviso attivamente l’URL con loro.

Il motivo di queste caratteristiche curiose e poco simili a Twitter?

Come mi ha detto Beschizza, si tratta di incoraggiare le persone a comunicare e a essere creative, senza pensare costantemente a “riuscirò a ottenere un pubblico enorme per questo”? Beschizza (e gli altri creatori di questi siti altrettanto antivirali) credevano tutti che il design dei grandi siti sociali avesse deformato il comportamento delle persone. Twitter, Instagram, Facebook, ecc. avevano spinto le persone a cercare costantemente di entrare nel mercato dell’attenzione. Si è creato un mondo di persone che creano incessantemente post progettati per essere teatralmente spettacolari, o per indignare, o per suscitare una qualche reazione ad alta tensione.

Come ha detto Beschizza

“Volevo qualcosa in cui le persone potessero pubblicare i propri pensieri senza falsi giochi di manipolazione sociale, di competizione e di scambio di favori”.

Era, come l’ho definito, un “design antivirale”.

Ho pensato sempre di più a come questo si applica a Mastodon.

Uso Mastodon saltuariamente da diversi anni. Ma l’afflusso di nuovi utenti mi ha spinto a usarlo molto di recente, quindi sto notando sempre di più come le persone si comportano su questa rete – o, soprattutto, come sono incoraggiate a comportarsi.

E mi sono reso conto che Mastodon è un superbo esempio di design antivirale.

È stato progettato appositamente per creare attrito, per rallentare un po’ le cose. Questa è una parte importante del motivo per cui si comporta in modo così diverso dai social network tradizionali.

– – –

Photo by Claudio Schwarz on Unsplash

Consideriamo Twitter, come controesempio. Nel corso degli anni, il management di Twitter ha progettato il sito sempre più per uno scopo centrale: concentrare l’attenzione di milioni di utenti su un particolare tweet/barzelletta/memo/persona che sta esplodendo proprio in questo momento. Le sue funzioni sono quasi sempre organizzate in modo da creare ondate virali e avvenimenti momentanei – ondate improvvise di cultura che gli utenti (molti di loro, in ogni caso) trovano emozionanti.

Queste ondate possono durare pochi secondi, minuti, ore o giorni. Ma in genere evaporano rapidamente, perché il design si concentra anche sulla produzione di un nuovo, massiccio momento di attenzione congiunta che sostituisca quello esistente. Quella sensazione di “wow, sto parlando della stessa cosa di cui parlano anche miriadi di altre persone”? Questo è il nucleo emotivo del design contemporaneo di Twitter. La viralità è il suo cuore pulsante.

È così centrale in Twitter che, direi, c’è un’ampia schiera di utenti che considera “trovare e partecipare alle ondate virali” come lo scopo dei social media. Come dire, questi sono i social media. Senza queste ondate di attenzione congiunta, che gusto c’è? Perché farlo?

Ed è per questo che spesso trovano Mastodon disorientante e poco convincente. Perché Mastodon non solo scoraggia queste ondate virali, ma per molti versi cerca attivamente di sopprimerle.

– – –

Ad esempio, Mastodon non ha un analogo dell’opzione “cita-il-tweet” di Twitter. Su Mastodon è possibile retwittare un post (lo chiamano “boosting”). Ma non è possibile aggiungere un proprio commento durante il boosting. Non si può citare il tweet.

Perché no? Perché l’ideatore di Mastodon (e la comunità dei primi utenti) temeva che la funzione per citare i tweet su Twitter incoraggiasse troppo spesso la pubblicazione di post del tipo “guardate questa stronzata? E alla prima comunità di Mastodon non piacevano molto queste dinamiche.

Se un social network di breve durata non ha tweet con citazioni, inibisce leggermente le ondate virali. I singoli interventi hanno solo qualche probabilità in meno di diventare improvvisamente un’ondata virale. È un design “antivirale”.

Un’altra grande differenza con Mastodon è che non ha una classifica algoritmica dei post in base alla popolarità, alla viralità o al contenuto. L’algoritmo di Twitter crea un effetto “il ricco diventa più ricco”: Una volta che un tweet diventa leggermente virale, l’algoritmo se ne accorge, lo mette in evidenza nei feed degli utenti e bingo: È un’onda anomala.

Su Mastodon, invece, i post arrivano in ordine cronologico inverso. Questo è quanto. Se non state guardando il vostro feed quando arriva un post? Lo perderete.

Anche in questo caso, si tratta di una scelta progettuale profondamente antivirale.

– – –

Photo by Shäng Dì on Unsplash

Forse ancora più importante del design di Mastodon è il comportamento stabilito dalla sua base di utenti, cioè da coloro che lo hanno utilizzato negli ultimi sei anni. Queste persone hanno creato una cultura per molti versi antivirale. Si oppongono alle funzioni e ai comportamenti che promuovono la viralità e accettano le cose che aggiungono attrito all’esperienza. Preferiscono la lentezza alla velocità.

Ad esempio, Mastodon non consente di effettuare una ricerca full-text su tutti i post. È possibile cercare i nomi degli utenti e gli hashtag. Ma se si volessero vedere tutti i post in cui si parla di “schemi di punto croce”? No. Non è possibile. Non è possibile farlo. Come si legge nei documenti di Mastodon…

Mastodon supporta la ricerca full-text quando ElasticSearch è disponibile. La ricerca full-text di Mastodon consente agli utenti loggati di trovare i risultati dei loro toots, dei loro preferiti e delle loro menzioni. Non consente deliberatamente la ricerca di stringhe arbitrarie nell’intero database.

Ciò è notevolmente diverso da Twitter, dove la ricerca di “[ARGOMENTO XYZ]” è un’attività estremamente comune. Su Mastodon, questa assenza rende molto più difficile scoprire chi sta parlando di cosa. Quando si arriva per la prima volta, può sembrare del tutto frustrante. “Come faccio a trovare le cose?”.

Ma gli utenti di lunga data di Mastodon preferiscono così. A loro piace il fatto che sia più difficile trovare i loro post. Questo è dovuto in parte al fatto che le prime comunità di Mastodon comprendevano molti gruppi subalterni che volevano evitare le molestie che avevano ricevuto sui principali social network e che avevano capito che un attrito ben congegnato avrebbe aiutato.

Considerate una storia recente: Una coppia di utenti di Mastodon ha recentemente deciso di lanciare un motore di ricerca esterno che avrebbe letto tutti i post di Mastodon, li avrebbe indicizzati e resi ricercabili.

Ma molti utenti di lunga data di Mastodon hanno odiato l’idea e si sono ribellati. Non volevano assolutamente un nuovo meccanismo per rendere i post più facilmente reperibili. Hanno iniziato a scrivere così tanto – e così negativamente – sul motore di ricerca che nel giro di poche ore i creatori del motore lo hanno chiuso volontariamente. Ernie Smith ha un ottimo thread su Twitter a questo proposito…

In altre parole, la comunità dei primi utenti era molto attenta al consenso. Non vogliono che i loro discorsi circolino in modi a loro sgraditi. Si potrebbe dire: “Beh, pazienza; stai postando cose in pubblico, no?”. Ma poiché questo è Mastodon, gli utenti hanno strumenti potenti per rispondere alle azioni che non gradiscono. Se agli utenti del server A non piace il comportamento degli utenti del server B, possono “defederarsi” dal server B; tutti gli utenti del server B non possono più vedere ciò che fanno gli utenti di A e viceversa. (“Defederare” è un’altra parte profonda del progetto di Mastodon che, in definitiva, è fortemente antivirale).

Le persone che hanno creato il motore di ricerca erano membri in buona fede di Mastodon, e i membri in buona fede non vogliono essere defederati da tutti gli altri. Così hanno fatto marcia indietro.

Venendo dal mondo di Twitter, dove la velocità e il comportamento di gruppo sono comuni (e apprezzati da molte persone), può sembrare strano imbattersi in una cultura che trova l’attrito utile e produttivo; una caratteristica, e non un difetto.

– – –

Questo è uno dei motivi per cui Mastodon non sarà mai un vero e proprio sostituto di Twitter. È un luogo sottilmente diverso. Si vedono meno i post virali e massicci, quelli che si devono vedere. Si vedono molte più conversazioni mormorate.

E non sto dicendo che l’antiviralità di Mastodon sia sempre superiore al modo di fare business di Twitter, o che dobbiate preferirlo! Potreste trovarla completamente antitetica al vostro modo di comportarvi online.

Si può anche sostenere che le ondate di attenzione virale in stile Twitter sono spesso una forza positiva e dovrebbero essere incoraggiate. Dopo tutto, le ondate virali hanno portato all’attenzione del grande pubblico questioni sociali e civiche cruciali. In effetti, come ho notato nel pezzo di Wired del 2017 …

… ci sono ragioni sane e non tossiche per cui siamo interessati a ciò che è popolare online: Alcune grandi attività sociali (come Black Lives Matter) si sono basate sulla diffusione virale dei post online.

Lo stesso vale per il #metoo. Le ondate virali, accelerate da sistemi di citazione e classificazione, sono state spesso un modo molto potente per gruppi e cause – in particolare quelle spesso ignorate dai mass media – di ottenere un’ampia attenzione. Potrebbe essere più difficile farlo con Mastodon.

È anche possibile che le qualità antivirali di Mastodon possano inibire il numero di persone che vogliono usarlo. Ci sono molte persone che amano il brivido vertiginoso delle aperture selvagge e sempre diverse di Twitter. Queste persone danno un’occhiata a Mastodon e gli sembra… noioso, confuso. Cosa dovrei guardare? Chi sono i must cruciali da seguire? Twitter si rivolge con attenzione alle persone che vogliono una risposta a queste domande. Mastodon non lo fa. Non pensa che queste domande debbano avere una risposta.

Questo ha creato occasionali scontri culturali tra gli utenti di lunga data di Mastodon e alcuni emigrati di Twitter, i quali si sono presentati e hanno cercato di usare Mastodon nel modo in cui hanno sempre usato Twitter: promuovendosi allegramente, andando a caccia di “like”, postando commenti piccanti e parlando molto di politica di parte. (Quest’ultimo aspetto è interessante: Molti server Mastodon hanno una regola tacita: quando si pubblica un post sulla politica di partito, lo si fa usando la piccola funzione di “avviso di contenuto” di Mastodon. Si può vedere il contenuto del post solo se si clicca su di esso. L’idea era che molti o la maggior parte degli utenti di Mastodon non vogliono che i loro feed siano affollati da discussioni di politica partitica, quindi questo è un compromesso. I nuovi arrivati da Twitter hanno generalmente trovato questa soluzione sconcertante o fastidiosa).

Come osserva Hugh Rundle …

Non è tutta colpa del popolo di Twitter. È stato insegnato loro a comportarsi in determinati modi. A caccia di like e retweet/boost. A promuovere se stessi. A esibirsi. Tutto questo genere di cose è un anatema per la maggior parte delle persone che una settimana fa seguivano i Mastodon. È stato uno dei motivi per cui molti sono passati ai Mastodon. Questo significa che per tutta la settimana c’è stato uno stridente scontro culturale, mentre un’enorme mormorazione di tweeter si è riversata su Mastodon in ondate crescenti ogni giorno.

– – –

Non so come andrà a finire.

È possibile che l’afflusso di nuovi arrivati si allontani. Scopriranno che, a un certo punto, non amano il design e la cultura antivirale di Mastodon; preferiscono le ondate di Twitter, la sua Coney Island dell’attenzione.

O forse resteranno e cambieranno la cultura di Mastodon. Gradualmente, inietteranno un comportamento più virale nel mix. Questo potrebbe accadere anche a livello di codice; nulla impedisce a un singolo server di implementare un proprio sistema per classificare i post nei feed principali in base alla popolarità. Certo, nessun server ha il potere di obbligare gli altri server a classificare i post in base alla popolarità. Ma con il suo semplice esempio, potrebbe in un certo senso convincere gli altri a farlo.

Inoltre, aziende terze potrebbero creare motori di ricerca e sistemi di classificazione per “ciò che è caldo” su Mastodon; se si tratta di normali siti web, i server di Mastodon non saranno in grado di bloccarli. Se un amministratore delegato non è un partecipante attivo di Mastodon, non si preoccuperà di essere bloccato dagli utenti esistenti. E forse un sito di terze parti come questo diventerebbe una destinazione popolare per molti utenti di Mastodon: Chissà quali post stanno spopolando in questo momento?

I sistemi sociali si evolvono in modo imprevedibile. In ogni caso, la prossima fase di Mastodon sarà interessante.

(BTW, sono @clive@saturation.social … se siete su Mastodon, connettetevi e salutatemi, così potrò seguirvi a mia volta).

– – –

(ed io sono @quinta@mastodon.uno

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *