LLMs are Digital Interns (Gli LLM sono stagisti digitali)

(Versione in italiano sotto)

IMHO it’s hard for LLMs SAAS to become sustainably interesting for corporates, given the issues they raise about copyright, security, privacy. (then there’s a cost issue; I wrote here how one could determine if their adoption is economically sound)

Furthermore, they are intrinsically error prone: the same characteristics that make them adaptable are those that generate output artifacts (“hallucinations” in AI metaphorical lingo).

People professionally using them to provide answers will need to revise and correct the outputs. (Lawyers and doctors have already experienced this very clearly)

The consequence is that it seems unlikely they will significantly take away professional jobs, except those of interns.

You expect interns who work with you to make mistakes so that you must revise and correct their work; much less for a colleague.

In the corporate culture, if your intern makes errors, it’s your problem, as you’re supposed to revise and correct them.
If your colleague makes errors, it’s his problem, eventually his boss’ problem or HR’s problem.

This is why LLMs are akin “digital interns”.

If you don’t expect them to provide answers but rather to help you during your office work, their obvious role is as complements to office productivity tools.
Translators, summarizers, writing quality enhancers, etc. are obvious examples.

Then there are the privacy, copyright and security issues.

I think, as knowledge and OSS tools are more diffused, LLMs are going to eventually run locally, a good solution to information security and privacy regulation. (and a transfer of responsibility from the company to the employee).

If this will be the case, Apple will likely have an edge on this, given how strictly they control the UI.

There’s one strong drive that could support this trend: revamp pc sales and increase their price.
I’m expecting to see computer prices increase, sold as “AI enabled”, substantially contrasting the erosion of the past decade.


A mio avviso, è difficile che gli LLM erogati SAAS diventino interessanti per le aziende, dati i problemi che sollevano in materia di copyright, sicurezza e privacy. (c’è poi un problema di costi; ho scritto qui come si potrebbe decidere se la loro adozione sia economicamente valida).

Inoltre, sono intrinsecamente inclini all’errore: le stesse caratteristiche che li rendono adattabili sono quelle che generano artefatti in uscita (“allucinazioni” nel gergo metaforico dell’IA).

Chi li usa professionalmente per fornire risposte dovrà rivedere e correggere gli output. (Avvocati e medici lo hanno già sperimentato molto chiaramente).

La conseguenza è che sembra improbabile che possano sottrarre posti di lavoro professionali, tranne quelli degli stagisti.

Ci si aspetta che gli stagisti che lavorano con noi commettano errori e che dobbiamo rivedere e correggere il loro lavoro; molto meno per un collega.

Nella cultura aziendale, se il nostro stagista commette degli errori, è un problema nostro, perché siamo noi a doverli rivedere e correggere.
Se il nostro collega commette errori, è un problema suo, eventualmente del suo capo o delle risorse umane.

Questo è il motivo per cui gli LLM sono simili a “stagisti digitali”.

Se non ci aspettiamo che ci forniscano risposte, ma piuttosto che ci aiutino durante il nostro lavoro d’ufficio, il loro ruolo è quello di complemento agli strumenti di produttività dell’ufficio.
Traduttori, riassuntori, miglioratori della qualità della scrittura, ecc. sono esempi ovvi.

Ci sono poi i noti problemi di privacy, copyright e sicurezza.

Penso che, man mano che la conoscenza e gli strumenti OSS si diffondono, gli LLM finiranno per essere gestiti localmente, una buona soluzione alla sicurezza delle informazioni e alla regolamentazione della privacy. (e un trasferimento di responsabilità dall’azienda al dipendente).

Se questo sarà il caso, Apple sarà probabilmente avvantaggiata in questo senso, visto lo stretto controllo che esercita sull’interfaccia utente.

C’è una forte spinta che potrebbe sostenere questa tendenza: il rilancio delle vendite di computer e l’aumento dei loro prezzi.
Mi aspetto un aumento dei prezzi dei computer, venduti come “abilitati all’intelligenza artificiale”, in netto contrasto con l’erosione dell’ultimo decennio.

If you like this post, please consider sharing it.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *