Google: “We don’t understand documents. We fake it”. (aka. Salvo Aranzulla aveva torto!)

Il materiale di Google pubblicato dal Dipartimento della giustizia USA, nella causa antitrust, è decisamente interessante.

Per certi versi esilarante.

Ricordate gli “oltre 200 segnali” che Google usa per determinare la qualità di una pagina da includere nei risultati ?

Ecco qui: (documenti interni)

Facevano finta di “capire” la bontà delle pagine (cosi’ pareva dai racconti  al pubblico). E invece…

Il mio amico Salvo Aranzulla ha costruito un impero scrivendo nel suo modo caratteristico “per piacere a google” e la verità è che loro si basano sulle reazioni degli utenti: tipo se ci si clicca sopra e ci si resta a lungo o altre iinterazioni con la SERP (la pagina dei risultati).

SEO redefined: prendi migliaia di utenti e falli cliccare sui link che ti interessano.

Source: Searchengineland

Every article you can find online about Google ranking factors will tell you there are at least ~200 or so odd variables that contribute to how a site will perform in the SERPs.

Source: Google ranking signals: A complete breakdown of all confirmed, rumored and false factors

If you like this post, please consider sharing it.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *