States Crack Down on Social Media for Teens: ‘There Are No Guardrails’

La ragione per cui stavo su twitter e non su facebook e per cui non ho mai installato tiktok e’ perchè twitter era l’unico social che consentiva di avere il feed dalle persone che seguivo, in ordine cronologico inverso (prima i piu’ recenti), ovvero si poteva selezionare di NON avere un algoritmo che decidesse cosa io avrei dovuto vedere.

questo perche’ gli algoritmi analizzano le interazioni e selezionano e promuovono le categorie di contenuto che determinano maggiori reazioni, che innescano ondate emotive.

per i noti fatti di elmo (i fatti del fatto) sono passato a Mastodon, che non è governato da un algoritmo

mi sembra giusto che i minori non abbiano un algoritmo a pomparli di dopamina.

Source: The Wall Street Journal

James and New York Gov. Kathy Hochul support a proposal to prohibit social-media companies from serving content to minors in the state using algorithms—unless apps such as Instagram and TikTok first obtain parental consent. They are also backing restrictions on when apps can send notifications to teen users and what companies can do with data collected from minors.

Continua qui: States Crack Down on Social Media for Teens: ‘There Are No Guardrails’ – WSJ

If you like this post, please consider sharing it.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *